Crotone,
Tempo di lettura: 2m 24s

Venerdì a Parco Pitagora Carmine Abate presenterà “Il cercatore di luce”

Il cercatore di luce, l’ultimo romanzo di Carmine Abate verrà presentato al Museo e Giardini di Pitagora di Crotone, venerdì 19 agosto alle ore 19,00.Avvalendosi di un meccanismo narrativo ad alta precisione alimentato da una lingua insieme morbida e acuminata, Abate scolpisce un potente romanzo corale che affronta temi universali: la vita, la natura, la morte.

In un romanzo epico e visionario, lo scrittore calabrese torna a raccontare un’appassionante storia famigliare, e vi intreccia con maestria la straordinaria avventura esistenziale e artistica di uno dei nostri più grandi pittori, muovendosi – con l’autorevolezza di chi li conosce nelle più segrete profondità – in luoghi lontani ma dalla identica, struggente meraviglia: dal Trentino di Arco e della Scanuppia, paradiso naturale degli urogalli, alle altezze sublimi di Maloja, all’altopiano della Sila, monumento alla bellezza nel cuore del Mediterraneo. Avvalendosi di un meccanismo narrativo ad alta precisione alimentato da una lingua insieme morbida e acuminata, Abate scolpisce un potente romanzo corale che affronta temi universali: la vita, la natura, la morte, gli stessi del famoso Trittico della Natura di Giovanni Segantini. È lui l’inesausto cercatore di luce che, pur presagendo la fine ormai prossima, sale in montagna a dipingere l’ultima, grandiosa opera. L’unico modo per sconfiggere la morte. La sua e la nostra.

Nato a Carfizzi, in provincia di Crotone, da una famiglia arbëreshë, dopo essersi laureato in Lettere all’Università di Bari si trasferisce ad Amburgo, in Germania, presso il padre emigrato. È autore di numerosi romanzi e racconti di successo. Nel luglio del 2009, con il suo romanzo Gli anni veloci, vince la terza edizione del “Premio Letterario Nazionale Tropea – Una regione per leggere. Il risultato plebiscitario della giuria, composta da un comitato popolare di varia estrazione culturale e da tutti i sindaci calabresi, ha confermato l’affetto e l’attenzione per questo autore della sua regione d’origine.I temi prevalenti nelle opere di narrativa di Abate sono il ricordo delle tradizioni culturali di origine, soprattutto delle piccole comunità arbëreshë, e l’incontro con le popolazioni che risiedono laddove più forte è l’emigrazione del Meridione. I racconti di Abate, emigrato da giovane in Germania per motivi di lavoro, sono frutto dell’esperienza diretta dell’autore in Germania e nell’Italia settentrionale. In alcune opere di Carmine Abate, specialmente nella raccolta di racconti intitolata Il Muro dei Muri, viene dato rilievo a quello che è il vero nemico della società, il razzismo, la barriera più grande che esiste al mondo e che cerca di dividere gli uomini, motivo d’incomprensione e d’incomunicabilità tra questi ultimi. Il 1º settembre 2012 vince la 50ª edizione del Premio Campiello con il romanzo La collina del vento