Roccabernarda,

Roccabernarda, il sostegno dell’associazione Roccanova all’Amministrazione comunale

Una veduta di Roccabernarda

Riceviamo e pubblichiamo

“Democrazia, partecipazione, legalità, trasparenza e solidarietà, i principi fondanti dell’associazione socio-culturale Roccanova, che ne costituiscono lo spirito e l’etica.

Ed è su queste basi e attorno a queste coordinate valoriali che le varie esperienze nella struttura maturano e diventano realtà pulsante e luogo vitale di crescita personale e comunitaria. In ciò consiste fondamentalmente l’essenza vera e profonda della nostra proposta associativa e divengono momenti emblematici di un impegno civile e sociale che ci spinge ad interagire nell’ambito della comunità locale.
In un periodo difficilissimo e delicatissimo come quello che sta attraversando Roccabernarda, l’associazione Roccanova, nel pieno rispetto dell’art.1 del proprio statuto, manifesta il proprio sostegno all’Amministrazione comunale nella delicata azione di governo dell’ente locale, costretti ad operare da due anni in una situazione di instabilità sociale e morale, contrassegnata dall’imprevedibilità e dalla necessità di trovare soluzioni immediate e in molti casi diverse e alternative rispetto a quelle ereditate dal passato e affrontando una situazione finanziaria-amministrativa critica e delicata.
Prigionieri di una situazione in cui la democrazia è naufragata in un mare di pressappochismo e qualunquismo, uomini e donne liberi con senso di sacrificio, coraggio passione, perseveranza, e imparzialità, dedicano il loro tempo per il paese che amano.

Ha scritto Alexis de Tocqueville “Senza istituzioni comunali una nazione può darsi un governo libero ma non ha lo spirito della libertà”.

Tenendo presente questa icastica considerazione che nel nostro paese e di fronte ad uno stato di fatto, secondo un principio di libertà, i nostri amministratori hanno sempre agito per costruire le basi per migliorare la qualità della vita della propria comunità senza mai perdere di vista l’interesse collettivo attraverso la valorizzazione dei principi cardini dell’Associazione, riportando in campo diritti e doveri, giustizia e legalità. Questa rinnovata azione di “legalità e trasparenza” dell’azione amministrativa costituisce la ratio fondamentale di un modo di governare libero, etico e morale, contro ogni tentativo di corromperne o di destabilizzarne la preziosità decretando definitivamente la fine di vecchi riti e cercando di ridare onore e dignità al territorio rocchisano. Una democrazia ha bisogno, certo, di istituzioni adatte, ma non vive se queste istituzioni non sono alimentate da saldi principi e in piena libertà.
In un mondo dove è difficile insegnare che l’onestà sia un valore di una democrazia corretta, spesso non si sa come fare per far passare il senso dell’uguaglianza di fronte alla legge o quello della legalità della quale tutti, indistintamente, siamo responsabili e che rappresenta il perno primo attorno al quale ruota una società civile, come sia difficile creare momenti di vita comune, mettere in pratica ciò che è stato scritto con tanta perizia nei nei codici e nelle costituzioni, siamo sempre più convinti che solo chi ama il proprio paese, solo chi con amore e cura coltiva i fiori profumati dell’ottimismo, del cambiamento, della solidarietà, della responsabilità, solo chi sceglie di impegnarsi per cambiare ciò che ritiene ingiusto, anziché lasciarsi andare a inutili lamentele e a vivere rassegnati in ogni momento, solo chi agisce perchè i pensieri diventino parole e le parole azioni, possa svolgere la propria funzione secondo un modello condiviso di un “AGIRE” libero e trasparente, basato sui principi di correttezza, legalità, onestà e verità.

Le scelte amministrative sono state e, ne siamo convinti, sempre in questa direzione, abbattendo ogni tentativo di illegittimità, a rifiutare chiunque miri a distruggere,a rallentare il processo del principio democratico basato sui diritti fondamentali ( individuali e collettivi) del cittadino.
Su questi presupposti, auguriamo ai nostri amministratori di continuare il loro lavoro con il consueto impegno e senso del dovere, sapendo che l’unica via percorribile per vincere le sfide è quella dei valori, quelli che hanno marcato e contraddistinto la loro storia umana e morale .
Auguriamo, altresì, un buon lavoro alla commissione d’accesso insediatasi pochi giorni fa, con l’auspicio che possa individuare responsabilità e tutelare chi ha operato nel rispetto delle regole delle istituzioni.
Vogliamo avere fiducia che la ragione prevalga!

Gli aderenti

Antonio Pugliese (presidente)
Elisabetta Brittelli (vice presidente)

Tag:

Aurum