Crotone,
Tempo di lettura: 1m 8s

Abramo: dalla protesta dei lap alle dimissioni del giudice. In Albania licenziamento per 1000 lavoratori

Dalla protesta del Lap nella mattinata, alle assemblee durante la giornata, durante le quali sono emerse diverse notizie. Ma andiamo con ordine: intorno alle 10.00 quasi tutti i lavoratori con contratti a progetto, impiegati sulla commessa Outboud Business, si sono ritrovati davanti la sede di Crotone per una manifestazione “non in contrasto con quella del 24 indetta dai sindacati”, ma diversificata nei contenuti, visto che hanno scoperto di non rientrare nei creditori privilegiati e, di conseguenza, di avere esigue speranze di rivedere i loro soldi maturati. Compresi quelli dei rimborsi Irpef congelati a gennaio. In più tra di loro ci sono persone che vanno avanti con contratti mensili rinnovati da 12 anni, senza tutela alcuna. In caso di migrazione ad altra azienda con le clausole sociali quasi certamente rimarrebbero esclusi dal processo, ritrovandosi con il cerino in mano.

Durante le assemblee, invece, sarebbe emerso il debito complessivo dell’azienda, che ammonta a circa 80 milioni di euro, a fronte dei circa 13 che verranno incassati (entro 120 giorno) grazie allo sblocco del Durc. In più il giudice competente si sarebbe dimesso. Sempre durante le assemblee è stata notizia della volontà del gruppo Abramo di licenziare circa 1000 lavoratori in Albania, tanto che sarebbero già partite le lettere di licenziamento nella giornata odierna.