Crotone,

Crotone, rimosso il chiosco della storica edicola di “Felo” in piazza Pitagora

L'edicola di Felo e nel riquadro Raffaele Gerace col figlio Michele

Non una semplice struttura che si sposta, ma un pezzo di storia della città. Non un semplice chiosco, ma “L’edicola di Felo“. Un piccolo scrigno nel quale Raffaele “Felo” Gerace ha svolto il suo lavoro di affettuoso edicolante. Lui quel mestiere l’aveva nel cuore. L’edicolante era una delle prima persone che incontravi uscendo di casa al mattino. Ci andavi a comprare il giornale e non potevi fare a meno di commentare le notizie. Non c’era nemmeno bisogno di chiedere perché Felo vedendoti arrivare aveva già preparato i tuoi giornali, sapeva perfettamente cosa leggevi.

E poi per lui c’era immenso amore per il calcio: il Crotone e il Milan. Un amore viscerale, una fede incrollabile sia nei rossoblu che nei rossoneri.

Oggi a distanza di poco più di un anno dall’addio dato dai propri cari a Felo, il chiosco della sua edicola in piazza Pitagora è stato rimosso, portato via.

Con lui non scomparirà, però, mai la figura di Felo che sorridente mi chiedeva inevitabilmente ogni volta la stessa cosa: “Chi facim a duminica”. Era come se il mio pronostico sul Crotone forse imprescindibile. E fino alla fine è rimasto vicino al suo Crotone, andando allo stadio e tifando.

E poi tutte le volte che si p prestato per le mie interviste semiserie ai tempi di Video Calabria, quando giravamo ogni settimana “Alè Crotone“, una sorta di “Striscia lo striscione” ante litteram.

Senza il chiosco dell’edicola per qualcuno sarà difficile ricordare Felo, per noi no. Per noi quel luogo sarà sempre l’edicola di Felo dove comprare il giornale, chiacchierare e divertirsi diventava tutt’uno e la giornata iniziava sempre col sole.

Per le foto grazie a Paolo Manica e Michele Gerace e a Danilo Ruberto per la segnalazione.

Tag:,

Aurum