Crotone,
Tempo di lettura: 2m 56s

Pediatrie in affanno per i molti ricoveri degli ultimi giorni

Non solo il COVID 19, ma anche l’influenza stagionale e le bronchioliti/broncopolmoniti da virus respiratorio sinciziale, stanno mettendo sotto pressione il sistema sanitario e particolarmente i reparti di pediatria, terapia intensiva pediatrica e pronto soccorso – dichiara la Dr.ssa Stefania Zampogna Direttore dell’UOC di Pediatria dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Crotone e Presidente Nazionale della SIMEUP (Società italiana di Medicina di Emergenza e Urgenza Pediatrica). E’ la cosiddetta “tripla epidemia” che sta facendo registrare un boom di ospedalizzazioni e di accessi pediatrici in Pronto Soccorso. 

Il virus respiratorio sinciziale è un patogeno che comunemente causa raffreddore nei soggetti adulti ed infezioni a carico delle basse vie aeree nei bambini al di sotto dei 5 anni, determinando quadri di bronchioliti e broncopolmoniti, particolarmente insidiose nei bambini di età inferiore ad un anno. “I soggetti più a rischio– sottolinea la dr.ssa Zampogna – sono i lattanti da 0 a 2 mesi che hanno un apparato respiratorio più fragile e debole”. L’infezione colpisce i bronchioli, ovvero la parte terminale delle vie respiratorie, determinando un processo infiammatorio con tosse, aumento delle secrezioni respiratorie e gradi variabili di ostruzione delle vie aeree. I “campanelli di allarme” che i genitori devono esser in grado di riconoscere sono:  la comparsa di difficoltà respiratoria con respiro più frequente del solito e la riduzione delle assunzioni alimentari per cui potrebbe esser necessario il ricorso alle cure ospedaliere.  

Anche il reparto di Pediatria di Crotone – precisa la dr.ssa Zampogna – ha registrato un notevole incremento degli accessi pediatrici di Pronto Soccorso e del numero dei ricoveri. “Durante il mese di Dicembre e la prima decade di Gennaio abbiamo rilevato 753 accessi pediatrici in Pronto Soccorso. Tra questi, 102 pazienti hanno ricevuto una diagnosi di infezione a carico delle basse vie aeree e il 40% presentava meno di un anno di età. I ricoveri ospedalieri si sono resi necessari per 39 bambini a causa di bronchioliti e/o broncopolmoniti. Il 33% di questi pazienti ha meno di sei mesi e il 13% ha presentato un quadro di insufficienza respiratoria acuta trattati dal nostro  team pediatrico con ossigeno terapia ad alto flusso , in due casi  molto gravi si e’ ricorso alla ventilazione meccanica in terapia intensiva – dichiara la dr.ssa Zampogna.

Non solo il virus respiratorio sinciziale ma anche i virus influenzali, parainfluenzali e i rinovirus possono determinare l’insorgenza della bronchiolite. “Frequente è anche il caso di co-infenzione ossia la contemporanea infezione da parte di più patogeni respiratori che abbiamo documentato nei bambini più gravi” – sottolinea la dr.ssa Zampogna. 

Alcune semplici misure di prevenzione – puntualizza la dr.ssa Zampogna – come l’igiene delle mani, il distanziamento sociale, soprattutto in presenza di adulti e/o altri bambini con infezione a carico delle vie aeree, l’evitare i luoghi chiusi e affollati possono prevenire la diffusione del virus respiratorio sinciziale e di altri patogeni in grado di provocare infezioni a carico delle vie aeree inferiori in età pediatrica. 

Infine, è fondamentale anche il ruolo dei pediatri di famiglia e della medicina territoriale nell’attività di sorveglianza e prevenzione primaria dell’influenza stagionale.