Riace,

Salvini vuole chiudere Riace: i migranti devono andare via, nota del Ministero dell’Interno

Salvini chiude Riace. Ventuno pagine di relazione in perfetto e gelido linguaggio burocratese e tecnocrate che chiedono al Servizio Centrale il “trasferimento/uscita” dei migranti da Riace. A una settimana dall’imponente manifestazione di Riace e delle centinaia di altre dimostrazioni a sostegno di Mimmo Lucano, sindaco di Riace, in Italia e nel mondo, arriva la fredda contromossa del Ministero dell’Interno retto da Matteo Salvini, segretario della Lega Nord.

Repubblica (leggi) e Il Corriere della Calabria (leggi) sono riusciti ad avere il documento recapitato al Comune di Riace, alla Prefettura di Reggio Calabria nel quale è scritto: “Il Servizio Centrale vorrà disporre il trasferimento/uscita degli ospiti in accoglienza e dovendosi procedere alla definizione degli aspetti contabili dare/avere, entro 60 giorni dal trasferimento/uscita dell’ultimo beneficiario, codesto Comune dovrà rendicontare le spese sostenute, inviando la relativa documentazione secondo le modalità previste dal manuale di rendicontazione Sprar”. La firma del documento porta la data del 9 ottobre ed è stata recapitata a pochi giorni dall’udienza prevista davanti al Tribunale del Riesame (16 ottobre) al quale si sono rivolti i legali di Mimmo Lucano che si trova agli arresti domiciliari dal 2 ottobre scorso accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e abuso d’ufficio.

Scrive Alessia Candito su Repubblica: “Al centro delle contestazioni del ministero ci sono da una parte, quegli strumenti che hanno fatto di Riace un modello di riferimento nel mondo, i bonus e le borse lavoro, dall’altra l’accoglienza dei lungo permanenti, cioè quei richiedenti asilo in condizioni di vulnerabilità che vengono ospitati anche oltre il termine previsto dal progetto Sprar. Sono troppi, secondo il ministero che per questo ha assegnato a Riace punti di penalità che da soli varrebbero la chiusura del progetto”.

Tag:, ,

Aurum