Pozzallo,

Migranti, don Tonino Staglianò a Salvini: “Ascolta Concato, c’è solo gente da difendere”

don Tonino Staglianò

foto: giovaninoto.it

Il crotonese monisgnor Tonino Staglianò, vescovo di Noto, interviene sulle due navi con circa 400 migranti ferme davanti alle coste di Pozzallo, e lo fa rivolgendosi direttamente al ministro dell’Interno e invitandolo, come nello stile del prelato, ad ascoltare una canzone. Le affermazioni di don Tonino, come lo chiamano i suoi parrocchiani di Le Castellla (luogo di origine), sono riportate nell’edizione di Palermo di Repubblica.

“Il braccio di ferro politico va fatto a bocce ferme, non si può mettere a rischio la vita delle persone. Invito il ministro Matteo Salvini ad ascoltare la canzone Tutto qua, dove Fabio Concato invita all’immaginazione per comprendere l’altro. Ho pensato molto a questo testo perché è proprio vero che la mancanza di solidarietà è dovuta a un difetto di immaginazione: non pensiamo che a bordo di quelle imbarcazioni potrebbero esserci i nostri fratelli, le nostre madri o le nostre sorelle. So che la questione è complessa e condivido anche l’approccio del Governo che invoca una gestione europea del fenomeno. Però si impongono degli interrogativi alle nostre coscienze: chi è l’essere umano? Questo è l’unico modo per affrontare la questione? Forse bisognerebbe sfruttare l’intelligenza per trovare una via più morbida per chiedere all’Europa un ruolo nella vicenda”. Il vescovo di Noto – scrive Repubblica – conclude canticchiando Concato: “Serve immaginare per comprendere, però senza nessuna velleità, c’è solo della gente da difendere, è tutto qua!”.

Tag:, , , , ,

Aurum