Parma,

Imprenditore cutrese scomparso da Parma: l’appello del figlio

Luigi Frontera

Un imprenditore agricolo originario di Cutro, Luigi Frontera. 62 anni, è scompraso da due giorni da Parma, dove si era recato per una visita medica. A quella visita medica, però, Luigi Frontera non è mai arrivato. La mattina del 2 marzo scorso è uscito dalla casa dove vive il figlio studente universitario, in via Pietro Mascagni numero 17, intorno alle 10:30 per andare alla visita medica presso l’Ospedale Maggiore di Parma. Frontera non ha portato con sé il telefonino ed è stato notato alle 14:30 dello stesso giorno nella zona dell’ospedale. La circostanza è stata riportata da un uomo al quale Frontera ha chiesto informazioni sulla sua automobile ed in particolare se la vettura potesse fare percorsi di montagna e se avesse la trazione integrale. L’ultima segnalazione ai familiari arriva da alcune persone che hanno visto Luigi Frontera la mattina di ieri (sabato 3 marzo) introno alle 9:30 presso il Bar “Da Marco” a Ramiola.

L’uomo indossa una benda al collo a causa di un trattamento chemioterapico/radioterapico svolto a Parma.

La famiglia di Luigi Frontera fa sapere che il 62enne non soffre di particolari patologie, ma ha subito un intervento chirurgico per il quale è stato sottoposto a chemio/radioterapia, e questo lo aveva molto demoralizzato.

“Crediamo che voglia allontanarsi il più possibile o che voglia ritornare in Calabria” – ha detto il figlio in un appello rivolto a tutti coloro che possono contribuire al ritrovamento di Frontera – ed ha anche confermato di aver presentato formale denuncia di scomparsa. Si confida molto in conoscenti o altri calabresi che Luigi Frontera abbia potuto contattare in questi due giorni. Anche il sindaco di Parma, Pizzarotti, ha lanciato un appello dai suoi profili social.

Tag:

Istituto S.Anna