Crotone,

Crotone, la storia di Dodò e l’impegno di Libera raccontati agli studenti del Pertini

Gli studenti della Terza A del Pertini con Giovanni Gabriele

foto: CrotoneNews

I ragazzi hanno incontrato all’Emporio solidale “I 5 pani” Giovanni Gabriele e Umberto Ferrari di Libera

 

Una delegazione di studenti dell’Istituto Pertini di Crotone, ha incontrato, nei giorni scorsi, Umberto Ferrari di Libera Crotone, associazione impegnata nella lotta contro le mafie, e Giovanni Gabriele papà di Dodò.

L’incontro è stato organizzato per ricordare agli studenti la storia di Domenico Gabriele, il bambino di 11 anni ucciso nei campetti di Margherita (ferito il 25 giugno 2009), nel corso di un agguato e morto il 20 settembre successivo.

Giovanni Gabriele ha raccontato agli studenti i momenti salienti della sparatoria ed i drammatici giorni a seguire: “Sono stati 85 giorni difficili – ha detto – quelli del coma di Domenico, giorni di preghiere e di speranza. Confidavamo in un miracolo che non è avvenuto e, infatti, il 20 settembre 2009 Dodò è morto, ed io  sono morto insieme a lui”.

Il padre di Domenico ha spiegato ai ragazzi come lui e la moglie Francesca abbiano trasformato il dolore per la perdita del figlio in impegno a favore della legalità. Da quel giorno girano entrambi l’Italia, insieme ai parenti di altre vittime di mafia, per raccontare la propria esperienza al fine di tenere vivo il ricordo del figlio, ma anche per far comprendere agli studenti il vero volto della mafia, quella capace di uccidere i bambini mentre giocano a calcio.

Giovanni ha anche annunciato la sua partecipazione, il prossimo 21 marzo, a Vibo Valentia, dove avrà luogo la manifestazione in occasione della Giornata per la memoria e per l’impegno, dedicata alle vittime innocenti della mafia.

Umberto Ferrari ha, invece, ricordato ai ragazzi la funzione di “Libera” e l’attività dei suoi volontari, che perseguono principalmente l’obiettivo di contrastare ogni tipo di associazione mafiosa, e soprattutto promuovono il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata.

Alla fine della mattinata gli studenti, accompagnati dai tutor Antonio Gangi e Laura Leonardi, hanno posto delle domande sia ad Umberto Ferrari che a Giovanni Gabriele, i quali hanno risposto soddisfacendo le curiosità degli studenti, e invitandoli poi alla riflessione sui temi affrontati.

I ragazzi hanno partecipato con interesse e alla fine hanno ringraziato Giovanni e Umberto per aver offerto loro la possibilità di realizzare insieme un momento dedicato alla memoria del piccolo Domenico e un approfondimento sull’importanza di diventare cittadini consapevoli e attivi.

Giada Riganello

III A Istituto Pertini Crotone

Tag:, ,

Istituto S.Anna