Crotone
Tempo di lettura: 2m 10s

Stroppa: “Con la Juve dovremo fare la gara perfetta”

Non usa mezzi termini Giovanni Stroppa: contro la Juve dei campioni il Crotone non potrà sbagliare nulla e ci vorrà una prestazione straordinaria per muovere la classifica. “ Sono i più forti in tutti i sensi – ha detto poco fa il tecnico presentando la gara di domani sera – Dovremo fare la partita perfetta per ottenere punti. Dovremo rimanere sempre attenti, dare quel qualcosa in più. Visto che le nostre prestazioni sono in crescita possiamo farlo, mai come domani sera bisogna stare attenti a qualsiasi loro giocata”. Nella squadra di Pirlo ci saranno tanti assenti, ma la rosa fa comunque paura: “In questi giorni si parla dei loro assenti, ma se andiamo a guardare la formazione che potrebbe scendere in campo contro di noi c’è solo da sgranare gli occhi. Sono i campioni, la squadra da battere”. Sono state due settimane particolari, in cui il gruppo non ha potuto lavorare al completo per diversi motivi. “I nuovi arrivati – ha aggiunto Stroppa – sono arrivati negli ultimi giorni e non abbiamo avuto a disposizione i nazionali. Non abbiamo avuto modo di lavorare al completo, ma ci siamo comunque allenati bene. In questo momento dobbiamo continuare a fare ciò che stiamo facendo”. Probabili cambi nella formazione? “Non lo so, ho qualche dubbio e lo tengo fino a domani. Per riavere Benali e Riviere dobbiamo aspettare, non sono recuperabili e mi attengo a quello che dicono i medici. Petriccione e Cigarini possono giocare insieme. Il primo è duttile e può interpretare più ruoli. Reca è rientrato da poco dalla nazionale, ma sta bene ed è rinfrancato da una prestazione straordinaria. Rojas, invece, per me è una mezzala, ha dei colpi importanti, ma è un ragazzo del 2002 che arriva da un calcio diverso, del settore giovanile. Ci andremo con la massima calma, anche se ha ottime qualità”. Ma quanto sarebbe importante un risultato positivo contro la squadra che domina da anni? “Potrebbe essere determinante per il nostro cammino – conferma Stroppa – la squadra è cresciuta, ma bisogna migliorare nei minuti finali, uscire sconfitti con passivi meno pesanti avrebbe dato una consapevolezza diversa. Dobbiamo lavorare individualmente evitando qualche errore difensivo, ma anche nella fase offensiva. Con il Sassuolo si è rivisto a tratti il Crotone dell’anno scorso, tornare a casa con un risultato di quel dà fastidio”.