Crotone
Tempo di lettura: 3m 34s

A Crotone ritorna Calabria Movie Film Festival: la quinta edizione dal 1 al 4 agosto

Il vostro cortometraggio è pronto a vederci lungo? A Crotone dal 1 al 4 agosto torna il Calabria Movie International Short Film Festival, la manifestazione dedicata al meglio della cinematografia breve, che per festeggiare la sua quinta edizione, lancia la novità: “Shorts to future”, l’unico evento industry del Sud Italia che incoraggia alla realizzazione di un lungometraggio, partendo da un’idea di corto.

Realizzato anche quest’anno in partnership con la Scuola Holden di Torino e la casa di produzione pugliese Cattive Produzioni,  Shorts to Future è un format innovativo che guarda al futuro del cinema italiano, partendo dalla valorizzazione delle idee di lungometraggio di giovani talenti, per favorire l’incontro con produttori cinematografici interessati a nuove opportunità.  L’obiettivo è offrire a giovani autori e autrici un’occasione concreta e proficua di formazione e di training intensivo per affrontare al meglio il momento in cui si gioca il futuro della propria opera: il pitching day.  Il pitching day di Shorts to Future è un evento stimolante e vantaggioso per i produttori alla ricerca di nuove collaborazioni,  che possono fiorire e trasformarsi in capolavori cinematografici. La scadenza per presentare le candidature è il 31 maggio (info e regolamento su https://calabriamovie.it/shorts-to-future/). La scadenza per partecipare al concorso dei cortometraggi è invece fissata al 10 giugno (https://filmfreeway.com/CalabriaMovie).

Il percorso (5 giorni di formazione e networking) che si terrà nei giorni del festival, è rivolto a giovani under-35, residenti in Italia. Nello specifico, l’iniziativa incoraggia la partecipazione di autori (anche in coppia) che abbiano già realizzato un cortometraggio, il quale costituirà la base per lo sviluppo della propria opera prima di lungometraggio, e che sono alla ricerca di un produttore o co-produttore per realizzare o completare il proprio progetto. In palio per il progetto vincitore la possibilità di aggiudicarsi un corso di scrittura avanzata tenuto dalla scuola Holden di Torino del valore di 500€.

Dichiarano dall’organizzazione: “In questi cinque anni, il nostro festival ha rappresentato un punto di riferimento per la cinematografia breve nel sud Italia, promuovendo il talento emergente da una parte e valorizzando l’identità regionale dall’altra, tutto attraverso l’occhio del cinema. Con l’iniziativa “Shorts to Future” vogliamo guardare al futuro del cinema incoraggiando giovani talenti a trasformare le loro idee di corti in lungometraggi avvincenti. Attraverso il pitching day, abbiamo creato uno spazio dinamico in cui autori e produttori possono connettersi, collaborare e trasformare visioni in capolavori cinematografici. Quest’anno soffiamo la candelina numero cinque, e siamo emozionati nel raccontarlo perché anno dopo anno, sforzo dopo sforzo, con dedizione, passione e sacrificio, abbiamo trasformato un piccolissimo esperimento in una realtà di cui andare fieri ed orgogliosi“.

La locandina

La locandina di quest’anno – in una fusione tra antico e moderno – rivisita la mitica Medusa, simbolo di trasformazione, i cui serpenti diventano pellicole sinuose, intrecciandosi in un omaggio alle radici culturali e alle nuove narrazioni del cinema. La palette di colori, con toni di arancio e nero, fa eco all’antica pittura vascolare della Magnia Grecia, mentre i fasci di luce che emananano dagli occhi evocano i proiettori cinematografici, in un cenno al poster iconico di “Metropolis” di Fritz Lang. L’opera, che suggerisce anche la forma di un albero, simboleggia la crescita e la continuità della tradizione artistica e cinematografica, radicata nella storia ma sempre protesa verso il futuro. È firmata da Francesco Tortorella, artista multidisciplinare e professionista creativo nato a Reggio Calabria e ora residente a Roma.

La rassegna è prodotta da Calabria Movie APS, attiva dal 2020 che mira a promuovere un cinema inedito e di qualità nel territorio calabrese con il festival e al contempo creare un percorso culturale sul territorio con incontri ed eventi durante tutto l’anno. È ideata da tre giovani professionisti del cinema: Matteo Russo, Luisa Gigliotti e Antonio Buscema.