Crotone,

Sculco: “Faccio cacciare Gianluca Bruno a calci in culo”

“Mio padre ha detto dal… appena finisco di vincere a Crotone mi occupo di Isola Capo Rizzuto… lo caccio… lo faccio cacciare a calci nel culo a Gianluca Bruno”. A parlare al telefono con un alto dirigente dell’aeroporto Pitagora di Crotone è la Consigliera regionale Flora Sculco. La telefonata, registrata dagli uomini della Guardia di Finanza, è finita nel decreto di sequestro preventivo della Sagas, la società interessata allo scalo crotonese. Nè Flora Sculco, nè suo padre Enzo e nemmeno il dirigente dell’aeroporto al telefono con la Consigliera regionale risultano indagati, al contrario, invece, del sindaco di Isola Capo Rizzuto per il quale i magistrati stanno indagando per bancarotta fraudolenta in riferimento al fallimento della Sant’Anna Spa.

Per gli inquirenti la telefonata serve per descrivere come l’aeroporto sia anche al centro dell’agenda in periodo elettorale. Siamo all’undici maggio ed Enzo Sculco, secondo la figlia Flora, è talmente ottimista di vincere le elezioni di Crotone da dire poi “mi occuperò di Isola Capo Rizzuto”. Al centro della telefonata c’è il mancato versamento delle somme da parte del Comune di Isola Capo Rizzuto per l’aeroporto.

“Che vergogna sto Isola” dice Flora Sculco al suo interlocutore che ride, e poi la Consigliera regionale aggiunge: “una vergogna… ha candidato due tre amici amici suoi nella lista di De Vona. Madonna che schifo”. “Mamma mia” dice l’altra persona al telefono.

Flora Sculco: “Mio padre (Enzo Sculco – già Congiliere regionale e vicepresidente della Provincia di Crotone – annotano i magistrati) ha detto dal… appena finisco di vincere a Crotone mi occupo di Isola Capo Rizzuto… lo caccio… lo faccio cacciare a calci in culo a Gianluca Bruno”. Flora Sculco racconta tutto il fastidio del padre verso il sindaco di Isola Capo Rizzuto: “Mamma come è incazzato mio padre. Una bestia!”. E poi continua:”Lui appena arriviamo noi se ne deve andare (alzano il tono della voce- scrivono gli uomini della Pg che ascoltano). Come sei socio e non versi?”.

Di sicuro gli investigatori ritengono questa telefonata (che è molto più lunga) talmente importante ai fini dell’indagine da inserirla nel decreto di sequestro preventivo della Sagas. Di sicuro ha un valore politico non indifferente considerato anche che viene registrata in piena campagna elettorale per le Amministrative di Crotone. Elezioni Amministrative che poi vincerà la coalizione rappresentata dagli Sculco con Ugo Pugliese sindaco dopo il ballottaggio contro Rosanna Barbieri.

Tag:,

Aurum