Crotone,

Lettera in redazione: “Cosa possiamo fare? Votiamo secondo coscienza e non per clientela”

Piazza Pitagora

Riceviamo e pubblichiamo

“Ok, basta, basta, basta. Ho letto con interesse prima il direttore Bruno Palermo e poi Vincenzo Montalcini. La richiesta è condivisibile, ma per l’uomo comune la domanda sorge spontanea: cosa posso fare io? L’occasione propizia è già questa domenica. Non votare secondo le trite logiche clientelari, esercitiamo il nostro diritto/dovere utilizzando la nostra testa, scegliamo quello che più ci convince, certo potremmo anche sbagliare, ma almeno sarà stato un voto libero.

Vede direttore, possiamo come cittadinanza fare tutto, ma se ci dimentichiamo del potere di voto che abbiamo, tutto sarà inutile. Questa terra ha pagato un prezzo troppo altro al menefreghismo, all’ignavia e al tanto non sono affari miei. Cominciamo con il più elementare diritto: il voto. E poi continuiamo”.

Lettera firmata

Tag:

Aurum