Crotone
Tempo di lettura: 1m 56s

Fiorino e Pitaro: “Non solo ponte sullo Stretto, instituire un’Area Urbana Jonica”

Riceviamo e pubblichiamo

“Abbiamo letto dell’importanza che l’Assessore Catalfamo attribuisce al progetto di costruzione del Ponte sullo stretto, di recente ripreso anche dal Governo Conte 2. Nulla da eccepire sul fatto che l’area metropolitana Reggio-Messina e, quindi, “Dello Stretto”, si proponga come area sistema e baricentrica dell’intero mezzogiorno d’Italia. Un’area “Urbana” di oltre 350.000 abitanti destinata a giocare un ruolo decisivo e strategico nel Mediterraneo e nel rapporto con l’Europa. Tuttavia, siamo certi che l’Assessore Catalfamo riterrà la vicenda “Ponte sullo stretto”, aggiuntiva e complementare ad una strategia infrastrutturale che preveda il recupero di ritardi, incompiute o, ancora peggio, di inesistenti condizioni di mobilità di vaste aree della Calabria e dello Jonio in particolare. Giova ricordare che nel tempo si sono aggravate le condizioni di isolamento e di scarsa attrazione turistica e produttiva degli oltre 400 km che vanno da Taranto, passando per Crotone ed arrivando a Reggio Calabria.

Ma mentre Reggio Calabria può contare sul suo versante Tirrenico, la stessa cosa non può fare tutta la parte del medio e alto Jonio. Peraltro, l’area compresa fra il nuovo Comune di Rossano-Corigliano (84000 ab.) e la potenziale “Città dello Jonio”, la Crotone 4.0 dalla fusione dei 6 Comuni confinanti (105000 ab.) tendono a prefigurarsi come un’unica area di Zona Economica Speciale per rilanciare l’economia e lo sviluppo del medio e dell’alto Jonio.

Parliamo di qualcosa come oltre 400.000 abitanti, due Province e, per di più, contigue con Basilicata, Puglia e quel grande giacimento energetico, commerciale e culturale che è il mare Jonio.

La prossima campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Regionale imporrà, ai diversi schieramenti in campo, una posizione chiara ed inequivocabile sul tipo di sviluppo che si intende prospettare ai Calabresi.

La Catafalmo è l’Assessore Regionale alle Infrastrutture e non nutriamo alcun dubbio che saprà prospettare una visione d’insieme e generale dell’infrastrutturazione della Calabria soprattutto in ossequio alle linee guida del Next Generation U.E, tese a recuperare i ritardi delle aree svantaggiate rispetto a quelle del nord del Paese e, insieme, con l’Europa.

On. Vito Pitaro

Capogruppo Lista Santelli

Regione Calabria

Giuseppe Fiorino

Capogruppo Lista “Crotone Normale” verso la città dello Jonio