Crotone,

Diritto di replica, Enzo Sculco diffida CrotoneNews: “Non mi sono mai interessato della piscina Coni di Crotone”

La piscina olimpionica

Riceviamo e pubblichiamo una richiesta di rettifica/diffida da parte di Enzo Sculco, che attraverso il suo legale, Jacopo Maria Abruzzo, scrive al direttore Bruno Palermo e per conoscenza al presidente dell’Ordine dei Giornalisti, Giuseppe Soluri.

Ecco il testo: “In data 10/10/2019 sulla testata giornalistica digitale “Crotone News”, veniva pubblicato un articolo dal titolo “Piscina olimpionica Crotone, un piano per fare fuori la Rari Nantes?” a firma del direttore Bruno Palermo, di cui riporto il link per mera comodità espositiva.

https://www.crotonenews.com/politica/piscina-olimpionica-crotone-un-piano-per-fare-fuori-la-rari-nantes/

Orbene, quanto affermato nel corpo del suoesposto articolo non corrisponde al vero sia in relazione ai presunti incontri avvenuti presso e negli uffici dell’associazione politica I Democratici, ancor meno alla presenza del mio assistito, sia sulla presunta azione teleologica politica dei Democratici e, nello specifico, dell’onorevole Sculco per addivenire alla “estromissione di quella storica ovvero: la Rari Nantes”.

Colpisce altresì che venga attribuito un così ampio, empio e aberrante potere decisionale al partito “che fa capo a Enzo Sculco”, attendente, secondo il pensiero dell’autore trasfuso nell’articolo in contestazione, ad una usurpazione dei poteri politici che giammai appartiene all’habitus politico e personale del sig. Sculco il quale, infatti, si domanda quali siano i reali e reconditi scopi di siffatte affermazioni, totalmente false ed infondate, sottese ed idonee a pregiudicare la reputazione e l’immagine personale e politica dell’on. Vincenzo Sculco. Non si tratta di un episodio isolato ma, fino ad oggi, non si è mai letta una falsità di tal portata, pur considerato che nell’ambito dell’attività giornalistica, nei limiti della continenza e pertinenza della notizia, vi è possibilità di fornire alla collettività un’informazione vera ma formulata in maniera critica: ma pur sempre vera, per cui, senza entrare nel merito delle fonti “ben informate” che avrebbero confidato la notizia diffusa dal direttore Bruno Palermo, rammento altresì che è obbligo di ciascuna giornalista vagliare le fonti da cui sono percepite le informazioni che per essere “vere” non possono essere “verosimili” o “veritiere”, bensì oggettivamente corrispondenti al vero. Nell’articolo in contestazione, nulla corrisponde al vero. Pertanto, con la presente, che costituisce atto formale, invito e

Diffido

il direttore Bruno Palermo ai sensi dell’articolo 16 del Reg U.E. /2016/679 (GDPR) e ai sensi dell’artt. 1 e 9 lettera a del Testo unico dei doveri del giornalista del 27/1/2016, a disporre rettifica dell’articolo giornalistico del 10/10/2019 a sua firma, in quanto totalmente fuorviante ed errato, adoperando medesimi mezzi e pubblicità impiegate, con la forma che riterrà più idonea e professionale, precisando in ogni caso i seguenti concetti:

    • l’on. Vincenzo Sculco non si è mai interessato, anche per interposta persona, alla piscina Coni di Crotone;
    • Non vi è alcun accordo e motivo tra I Democratici, l’on. Vincenzo Sculco e alcune non meglio precisate federazioni o associazioni sportive o chicchessia, volto ad emarginare la Rari Nantes da eventuali impegni in enti, consorzi o altre forme associative, di cui si disconosce e ignora anche l’esistenza programmatica;
    • Nessuno incontro, per costituire o definire le eventuali compagini di un “nuovo consorzio”, è mai avvenuto presso e nei locali dei Democratici, tanto meno con l’on. Vincenzo Sculco;
    • Non vi è nessun rapporto o legame, inteso in ogni sua declinazione, tra I Demokratici, gli on. Vincenzo e Flora Sculco e i dirigenti attuali o passati della Rari Nantes”.

Sign. Enzo Sculco

Avvocato Jacopo Maria Abruzzo

 

Gentile avvocato Abruzzo, signor Sculco, ho riletto più volte il mio scritto per il quale chiedete la rettifica, cercando vanamente il pezzo nel quale io avrei scritto che Enzo Sculco è interessato alla Piscina olimpionica; che lo stesso voglia emarginare la Rari Nantes e che nella sede dei Demokratici ci siano state riunioni per un costituendo nuovo consorzio.

Faccio fatica a trovarle semplicemente perché non le ho scritte. Sono piuttosto vostre personali deduzioni, sulle quali ovviamente non ci si può fare niente, nel senso che ognuno interpreta come vuole.

Infine, per veder pubblicata la sua risposta sarebbe bastata una semplice mail che noi avremmo pubblicato come diritto di replica (che la nostra testata concede a tutti, seguendo alla lettera codice deontologico e regolamenti di diritti e doveri del giornalista). Prendiamo atto che ha preferito affidarsi alla diffida di uno studio legale.

Bruno Palermo   

Tag:,

Aurum