Crotone,

Crotone, processo Scifo: il Comune sarà parte civile

Inizierà tra pochi giorni il processo per il “Marine park Village” di Scifo a Capo Colonna. Un processo che vede come imputati Elisabetta Dominijanni (ex dirigente del Comune) e Gaetano Stabile (funzionario del Comune), entrambi sono accusati di abuso d’ufficio, abusivismo edilizio e distruzione di bellezze naturali e culturali in area sottoposta a tutela in concorso con i fratelli Salvatore ed Armando Scalise ed al direttore dei lavori del Marine Park Village, Gioacchino Buonaccorsi. Tra gli imputati anche il soprintendente archeologico di Crotone, Catanzaro e Cosenza, Mario Pagano, accusato di falso per aver inviato al ministero una relazione nella quale dichiarava che “ormai i 79 bungalow erano già stati realizzati” quando invece non esisteva nessuna costruzione.

La notizia è che il Comune di Crotone, con apposita delibera di Giunta comunale, ha approvato la costituzione di Parte civile (quindi parte danneggiata), affidando l’incarico al legale del Comune, ovvero Rosa Russo.

“Il Comune, ente esponenziale di interessi collettivi e soggetto direttamente leso dalle condotte
poste in essere dagli imputati, – è scritto nella premessa di Delibera – esplicatesi su area posta in prossimità al Parco Archeologico di Capo Colonna, di incommensurabile valore storico, paesaggistico ed artistico ed in netta
violazione delle norme sull’assetto urbanistico del territorio, è legittimato, quale parte offesa, a costituirsi parte civile per ottenere nei confronti dei soggetti ascritti, oltre alla pena che sarà ritenuta di giustizia, anche il risarcimento dei danni patrimoniali, materiali e morali conseguenti ai reati contestati”. La Delibera è stata approvata all’unanimità dei presenti che erano, oltre al sindaco Ugo Pugliese, gli assessori Sabrina Gentile, Antonella Cosentino, Giuseppe Frisenda, Caterina Caccavari e Tommaso Sinopoli. Non hanno preso parte alla seduta di Giunta, e quindi non hanno espresso parere sulla Delibera, gli assessori Benedetto Proto, Salvatore De Luce e Alessia Romano.

Tag:,

Aurum