Crotone,

Aeroporto: è scontro tra il Comune di Crotone, Sacal e Regione Calabria

Lo scalo di Crotone con aereo Ryanair

“Delusi dall’incontro di ieri con De Felice e il presidente Oliverio, delusi per i modi e i toni utilizzati e per i contenuti dell’incontro stesso”.

Questo quanto emerso da un incontro convocato dal sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, che ha nuovamente riunito i movimenti, le associazioni di categoria e i sindacati.

Nei prossimi giorni, le Amministrazioni comunali crotonesi firmeranno un apposito protocollo d’intesa per sostenere la ripresa dello scalo ionico.

«Disponibili si! Ma per cosa? – si legge in un comunicato del Comune di Crotone – È questa la domanda che tutti gli amministratori, spalleggiati dagli altri soggetti presenti al tavolo, hanno però voluto evidenziare.

La parola d’ordine delle amministrazioni, fiaccate dai continui rinvii della Sacal che, un giorno sì e l’altro pure, annuncia trattative in corso con questa o quella compagnia aerea, senza però mai presentare un reale piano di volo, è “Pagare moneta, vedere cammello”, che tradotto significa che il sindaco di Crotone, prima di qualsiasi sforzo, vuole vedere gli aerei sulla pista dello scalo crotonese, e il reintegro di tutti i lavoratori che prestavano già servizio per l’aeroporto di Crotone».

«I sindaci questa volta pretendono fatti e non più annunci, – continua il comunicato – e rivolgono la propria attenzione verso quel vettore che ha dimostrato come l’Aeroporto di Crotone possa essere realmente attrattivo: Ryanair. Ma per avere Ryanair bisogna attivare il servizio ATC (Air Traffic Control) che per aeroporti di interesse nazionale, come Crotone, dovrebbe essere gratuito. Ma anche su questo versante, i crotonesi hanno assistito solo ad annunci e mai a fatti concreti».

Tag:,

Aurum