Crotone,

Operazione Kyterion, Salerno torna in carcere

Nel pomeriggio di oggi i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Crotone hanno nuovamente tratto in arresto, su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Catanzaro, Antonio Salerno classe ’80, già sottoposto a fermo il 20 gennaio 2015 nell’ambito dell’operazione denominata “Kyterion”.

Estremamente travagliata la vicenda di Salerno, il quale, tramite i propri legali di fiducia, aveva presentato istanza di riesame avverso il fermo e la successiva ordinanza di custodia cautelare datata 19 febbraio 2015. Il ricorso aveva trovato accoglimento presso il Tribunale di Catanzaro, che aveva dispostao la scarcerazione di Salerno. Oggi la nuova ordinanza, sempre dello stesso Tribunale, a seguito di annullamento con rinvio da parte della Corte di Cassazione, scaturito dal ricorso presentato dalla Procura della Repubblica.

Come si legge nel provvedimento, a Salerno viene contestata l’appartenenza organica alla cosca Grande Aracri di Cutro e di aver avuto un ruolo di rilievo nella gestione dei rifiuti nello stesso Comune.

Le indagini continuano, mentre il 18 dicembre si terrà l’udienza preliminare, tassello ulteriore nell’inchiesta dei pm Vincenzo Capomolla e Domenico Guarascio con il coordinamento del procuratore aggiunto Giovanni Bombardieri

Tag:, , ,