Crotone,

Nato: Crotone, confermato completamento base

Non vi sono incertezze sul completamento della base aerea di Crotone: la decisione di ospitare a Crotone, in Calabra, il 401.mo stormo di aerei F-16 dell’aeronautica statunitense che nel 1991 dovrà lasciare la base spagnola di Torrejon, è stata presa collettivamente dai paesi della Nato e rimane indispensabile per la sicurezza dell’alleanza. Lo ha dichiarato questa sera a Bruxelles il portavoce della Nato, in risposta alle domande di alcuni giornalisti. “La decisione americana di congelare le spese per tre mesi – ha detto il portavoce riferendosi a notizie di stampa – non intaccherà l’impegno preso dall’amministrazione americana in questo programma comune della Nato (la costruzione della base per ospitare gli F-16), un programma che è finanziato dal fondo infrastrutture della Nato”. “L’invito all’Italia di accogliere il 401.mo stormo – ha ricordato il portavoce – venne dall’alleanza nel suo insieme, non solo dagli Stati Uniti, nello stesso tempo, l’alleanza decise che la costruzione della base di Crotone sarebbe stata finanziata da tutti i paesi della Nato”. “Si tratta – ha detto ancora il portavoce – di una decisione collettiva, e l’alleanza continua a ritenere che la permanenza del 401.mo stormo in Europa è indispensabile alla sicurezza comune”. “La decisione di trasferire in Italia il 401.mo stormo dell’Usaf è stata presa nel 1988 dalla Nato, e il costo della nuova base è stato valutato inizialmente in circa  500 milioni di dollari, all’epoca circa 740 miliardi di lire, da distribuire fra i paesi alleati, che contribuiscono al fondo comune per la realizzazione delle infrastrutture. Nel giugno ’89 i ministri della difesa dell’alleanza hanno ribadito che il trasferimento degli F-16 in Italia – accettato con un voto del parlamento italiano- era di “importanza vitale” per la difesa del fianco meridionale dello schieramento della Nato. La base di Crotone – ricordano fonti atlantiche – sarà una base di tempo di pace. È prevista in caso di crisi la dispersione degli aerei, che in quel caso si sposterebbero su altre basi, eventualmente anche per imbarcare armi nucleari che comunque non saranno immagazzinate a Crotone.

 

Tag:, , , , ,