Tempo di lettura: 2m 0s

Tiziano Ferro risponde a Maionchi: “Sempre grato, perché dirmelo solo ora?”

(Adnkronos) – "Ti sono sempre stato grato, te l’ho dimostrato un milione di volte durante un milione di occasioni quindi mi chiedo: perché questo? Perché adesso?". Così Tiziano Ferro, in un lungo post sui social, replica a Mara Maionchi rivelando l'amarezza per le parole della ex manager che per prima si accorse del suo talento. La Maionchi ospite di Francesca Fagnani a 'Belve' ha raccontato: "Tiziano Ferro non ha capito la fortuna di avermi incontrata. Non ha pensato che sia io che mio marito l’abbiamo aiutato ad essere quello che alla fine, in parte, è".  Tiziano Ferro decide allora di dire la sua verità. “La prima cosa che ho insegnato ai miei bimbi è dire ‘grazie’, la seconda è dire ‘scusa’”, scrive Ferro, sottolineando l’importanza di questi valori fondamentali per poi ricordare i numerosi incontri con la Maionchi, sempre caratterizzati da calore e affetto reciproco: "Ci siamo incontrati tantissime volte: studi televisivi, concerti, camerini e ogni volta ci siamo abbracciati e abbiamo riso dei bei tempi andati. Se davvero era questo ciò che pensavi, perché non me l’hai mai detto durante una di queste occasioni? Ti avrei tranquillizzata, mi sarei scusato e ti avrei ringraziata ancora, come sempre e senza problema".  "Ho digitato 'Tiziano Ferro Mara Maionchi' e sono uscite circa 55mila voci contenenti entrambi i nostri nomi", continua l'artista che evidenzia la sua costante stima per la Maionchi: "Potrei postare la miriade di interviste nelle quali ti ho celebrata, i ringraziamenti nel booklet dei miei album nei quali eri in prima linea nei ringraziamenti, il nostro scherzo telefonico, una serie infinita tra citazioni nel mio libro o nel web – in tutte le lingue del mondo, perché ho parlato di te e Alberto in tanti posti del globo". Ferro conclude il suo post condividendo un video che, a suo dire, rappresenta un “abbraccio di cuore”. “Magari sono uno stolto ma a me questo, sembrava un abbraccio di cuore. Che peccato, che tristezza,” conclude l'artista con un pizzico di malinconia. —spettacoliwebinfo@adnkronos.com (Web Info)