Tempo di lettura: 2m 2s

Talebani a conferenza Onu a Doha, la richiesta: niente donne afghane. E’ polemica

(Adnkronos) – Una delegazione dei talebani guidata da Zabihullah Mujahid, portavoce del movimento che nell'agosto del 2021 riprese il controllo dell'Afghanistan, parteciperà a una conferenza delle Nazioni Unite in programma il 30 giugno e il primo luglio a Doha, in Qatar. Ma la loro presenza è un caso. I talebani, come riporta un articolo del Guardian, hanno espressamente legato la loro presenza al fatto che nessuna afghana sia autorizzata a partecipare alla riunione dell'Onu organizzata per discutere l'approccio della comunità internazionale al Paese e che i diritti delle donne non vengano messi all'ordine del giorno. Nel tentativo di portare i talebani al tavolo delle trattative, l'Onu ha ceduto alle loro richieste, come ha sottolineato l'ex ministra afghana per gli Affari femminili, Sima Samar. "Questa situazione è una sottomissione indiretta alla volontà dei talebani. Il diritto, la democrazia e la pace sostenibile non sono possibili senza includere metà della popolazione della società che è costituita da donne. Non abbiamo imparato nulla dagli errori del passato.", ha dichiarato. Habiba Sarabi, un'altra ex ministra e prima governatrice donna dell'Afghanistan, ha affermato che la comunità internazionale sta dando priorità all'impegno con i talebani rispetto ai diritti delle donne. "Purtroppo la comunità internazionale vuole trattare con i talebani ed è per questo che la loro agenda è sempre stata più importante per loro delle donne afghane, della democrazia o di qualsiasi altra cosa", ha sostenuto Heather Barr, di Human Rights Watch, ha aggiunto: "Ciò che sta accadendo in Afghanistan è la più grave crisi dei diritti delle donne nel mondo e l'idea che le Nazioni Unite convochino un incontro come questo senza discutere dei diritti delle donne e senza includere le donne afghane è incredibile". I talebani non hanno partecipato a precedenti incontri delle Nazioni Unite all'inizio di quest'anno, con il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, che spiegò che il gruppo aveva presentato una serie di condizioni per la sua partecipazione che "ci negavano il diritto di parlare con altri rappresentanti della società afghana" e che erano "inaccettabili". —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)