Tempo di lettura: 1m 54s

Dl liste d’attesa, piano Schillaci promosso dall’86% degli italiani. Visite ed esami anche nel weekend tra le misure più apprezzate

(Adnkronos) –
Ok al decreto legge varato dal ministro della Salute, Orazio Schillaci, per ridurre le liste d'attesa. Lo rileva il tableau de bord sull'opinione pubblica realizzato dall'Istituto Piepoli, secondo il quale l'86% degli intervistati promuove questa particolare scelta del titolare del dicastero, tra chi la apprezza molto (47%) e chi abbastanza (39%). Sul piano più generale, il 69% degli interpellati dichiara di essere a conoscenza della decisione presa dall'esecutivo e l'84% afferma di condividerla (39% molto, 45% abbastanza). Per quanto riguarda i contenuti del decreto, le tre misure ritenute più efficaci per la riduzione dei tempi di attesa delle prestazioni sanitarie sono l'effettuazione delle visite ed esami diagnostici anche nei weekend (51%); l'attivazione di un organismo di verifica e controllo con funzioni di controllo presso le Aziende sanitarie per garantire il corretto funzionamento del sistema di gestione delle liste d'attesa, con poteri di polizia amministrativa e giudiziaria (41%); e l'istituzione di una Piattaforma nazionale per le liste d'attesa per monitorare i tempi di attesa per ogni tipo di prestazione sanitaria in modo dettagliato e in tempo reale, regione per regione (33%). Infine, il 68% degli intervistati gradisce l'operato del ministero guidato da Schillaci (22% molto, 46% abbastanza), che nel mese di giugno si piazza al terzo posto nella classifica sulla fiducia nei ministri, con il 35% dei consensi.  Sono tre le misure ritenute più efficaci per la riduzione dei tempi di attesa delle prestazioni sanitarie contenute nel decreto legge varato dal ministro della Salute, Orazio Schillaci. La prima è l'effettuazione delle visite ed esami diagnostici anche nei weekend (51 per cento); la seconda è l'attivazione di un organismo di verifica e controllo con funzioni di controllo presso le Aziende sanitarie per garantire il corretto funzionamento del sistema di gestione delle liste d'attesa, con poteri di polizia amministrativa e giudiziaria (41 per cento); la terza l'istituzione di una Piattaforma nazionale per le liste d'attesa per monitorare i tempi di attesa per ogni tipo di prestazione sanitaria in modo dettagliato e in tempo reale, regione per regione (33 per cento).  —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)