Tempo di lettura: 3m 46s

Biden, Follini: “Rinuncia sarebbe prova di straordinario talento politico”

(Adnkronos) – "Cosa muove (e cosa nobilita) la politica, il carattere o la visione? Chiediamo ai leader che si provano a governarla di essere forti, tenaci, combattivi? Oppure chiediamo loro di gettare lo sguardo oltre le vicissitudini personali, oltre la loro biografie, oltre la loro stessa resilienza dinanzi alle difficoltà in cui prima o poi vengono a trovarsi? Tutte queste domande hanno ovviamente a che vedere con il duello televisivo dell’altra notte tra Biden e Trump, due attempati signori che sembrano affrontare la sfida che li oppone in vista della Casa Bianca quasi solo nella chiave della loro forza, del loro carisma, della loro popolarità -o di quel che ne resta. Finendo per aderire tutti e due a quel codice personalistico che sembra voler ridurre la contesa politica a un duello quasi fisico e alla prestanza personale dei candidati. L’argomento, ovviamente, riguarda soprattutto Biden. Che ha mostrato tutte le esitazioni gli smarrimenti, la confusione che abbiamo potuto vedere l’altra notte, mettendo in grande allarme il suo stesso partito e inducendo tutto il mondo a chiedersi se egli a questo punto non sia davvero 'unfit', inadatto cioè a governare il mondo libero una volta chiarito che non appare più in grado di governare neppure se stesso. 
Si vedrà fin nelle prossime ore da che parte penderà la bilancia. Se prevarrà nell’inner circle della Casa Bianca la tenacia nel portare a termine la candidatura, o se alla fine si farà largo la preoccupazione di non lasciare a Trump il vantaggio di potersi misurare con un antagonista in piena decadenza fisica. E cioè, se avrà la meglio il partito del 'carattere' o quello della 'visione'. Nel frattempo, chi opera nella sfera politica e chi ne è anche solo incuriosito farebbe bene a misurare la portata degli anni che passano, del mondo che cambia, dei nuovi argomenti e delle nuove figure che si stagliano all’orizzonte. Già, perché l’istinto di tutti noi è quello di immaginare che, sotto sotto, il mondo sia sempre quello. E dunque che il potere sia pressoché eterno, e si tratti solo di conservarlo il più a lungo possibile. Mentre poi la storia ci insegna -a volte in modi addirittura impietosi- che il destino della forza politica è quasi sempre quello di indebolirsi, declinando mano a mano che passano gli anni e cambiano gli scenari. 'Il sole del potere è splendido, ma tramonta a mezzogiorno nel disprezzo generale', ammoniva Shakespeare facendolo dire a un immaginario Tommaso Moro avviato al patibolo nell’Inghilterra medievale. Come a volerci ricordare che ogni avventura politica, anche la più gloriosa e meritoria, conosce infine un punto di caduta oltre il quale diventa poco conveniente, e perfino poco dignitoso, cercare di spingersi. Eppure, contro questa saggezza letteraria e politica, militano un’infinità di storie che si sono andare concludendo sotto il segno di una scelta fin troppo testarda. Perché il leader non sa mai davvero quando cambia il vento. E se la sua consuetudine con il potere diventa una confortevole abitudine, egli è inevitabilmente indotto a pensare che il declino appartenga sempre a un tempo ancora lontano. Così, è probabile che Biden cercherà di resistere. Contando che quella metà di elettori che considerano Trump come un diavolo (con qualche buona ragione) si rassegnino a votare per il suo antagonista, ancorché malamente invecchiato. Calcolo improbabile, stando ai sondaggi. Eppure forse non del tutto campato per aria. E’ probabile anche che Biden consideri un suo dovere, inesorabile e quasi tassativo, dar prova di tutta la tenacia e la resilienza di cui la sua attitudine al mestiere (chiamiamolo così) lo rende capace. La sua famiglia, il suo staff, a quanto pare lo starebbero spingendo in questa direzione. Ma soprattutto, quella sua lunga, lunghissima esperienza di palazzo, durata più di mezzo secolo, sembra a sua volta guidarlo come per istinto verso l’ennesima conferma di sé. Privandolo così della possibilità di compiere quel gesto di rinuncia che sarebbe, questa sì, una prova di straordinario talento politico". (di Marco Follini) —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)