Crotone,
Tempo di lettura: 1m 58s

A Crotone niente stagione estiva, l’Amministrazione Pugliese: “È colpa di Vallone”

Niente stagione estiva, la colpa è di Vallone e della sua Giunta. È questa la sostanza della conferenza stampa di ieri mattina che il sindaco Ugo Pugliese con la Giunta ha tenuto nella Sala Consiliare del Comune di Crotone. E per dirlo hanno aspettato il 2 agosto, quando si dice lo sviluppo turistico. I fatti risalgono allo scorso mese di giugno quando la Corte dei Conti ha inviato una informazione nella quale venivano bloccate “le spese non necessarie” dell’Ente per via degli esercizi di bilancio 2014 e 2015 e le troppe spese fuori bilancio. Il sindaco ha detto di aver chiesto una sorta di differimento alla Corte dei Conte, ma che la stessa si è rifiutata. È evidente che questa Amministrazione comunale ha un problema di rappresentanza istituzionale. Oltre alla Corte dei Conti, infatti, altre istituzioni non hanno nemmeno preso in considerazione gli elementi forniti dal Comune di Crotone (vedi la vicenda Ezio Scida). Una Amministrazione comunale, dunque, che evidentemente non riesce a trasmettere nessun tipo di fiducia alle altre istituzioni, il perché un giorno lo scopriremo, o forse è fin troppo sotto gli occhi di tutti. Resta il fatto, comunque, che il 2 agosto è stata convocata una conferenza stampa per dire che non si possono spendere soldi per la stagione estiva perché “spesa non necessaria”. E allora la domanda nasce spontanea (come avrebbe detto il buon Lubrano): quali sono le spese non necessarie? Visto che le osservazioni della Corte dei Conti riguarda anche le partecipate, era necessario rinnovare alcune cariche anziché andare verso la chiusura di alcune partecipate che davvero non hanno senso e non forniscono alcun supporto utile all’Amministrazione. Come al solito si mette la cosiddetta “pezza a culuri”, ma altrettanto come al solito i verdetti li darà la storia. E senza voler scomodare paragoni con mostri sacri del cinema, ma più questa Amministrazione va avanti, più sembra quella straordinaria pellicola che il maestro Mario Monicelli decise di girare in parte anche nel Crotonese.

ps: per gli eventi culturali e gli spettacoli, anche estivi, l’Europa mette a disposizione fior fiori di milioni di euro…basta avere i progetti.