Crotone,
Tempo di lettura: 2m 8s

Crotone, presentato “Mnemosine – Festival della memoria”

“Siamo la nostra memoria. Crotone la città di Pitagora apre le porte del sapere sulla salute mentale al grande pubblico con workshop, incontri e spettacoli, dal 23 al 26 maggio 2018 a ingresso gratuito, con l’assegnazione di 25 crediti ECM”.

È stata presentato oggi, alla Camera di Commercio di Crotone, “Mnemosine – Festival della memoria” organizzato dalla Fondazione Turano.

La manifestazione introduce la riflessione sulle neuroscienze a Crotone per offrire un contributo di idee non solo agli specialisti ma soprattutto alle famiglie, ai gruppi e alle persone consapevoli che il disagio mentale e le nuove terapie devono riguardare tutti e si possono individuare in maniera tempestiva.
L’Alzheimer colpisce una persona ogni 4 secondi nel mondo e nella classifica mondiale dei problemi da risolvere è al secondo posto dopo la scarsità dell’acqua. I disturbi dello spettro autistico in aumento, coinvolgono oltre 500 mila famiglie, mentre le problematiche dell’adolescenza e del neuro sviluppo nell’età evolutiva registrano un incremento ed esigono la massima attenzione. Le quattro giornate della rassegna rappresentano un importante momento di informazione/formazione e si avvalgono del patrocinio del Comune di Crotone e dell’ Ordine dei medici della provincia di Crotone.
L’evento ha il sostegno del Centro Turano e della Camera di Commercio di Crotone e opera in collaborazione con Comune di Santa Severina, Avis di Crotone, Isaac Italy e Associazione italiana dislessia di Crotone.
La direzione scientifica del Festival della Memoria è di Carmelo Turano, neurologo e neurochirurgo specializzato in Usa e Canada. L’ideazione è della Fondazione Turano, con sedi a Lugano, Roma e Crotone, costituita principalmente per la ricerca e la divulgazione delle Neuroscienze. L’organizzazione vedrà impegnati gli allievi crotonesi del Corso di Formazione in Health, Culture & Tourism Management tenuto a partire dallo scorso gennaio dal Consorzio Universitario Humanitas e dalla Fondazione Ozanam di Roma per iniziativa del Centro Turano.
I convegni si svolgono al Lido degli Scogli con il confronto di opinioni fra illustri accademici, pubblico e specialisti del territorio calabrese. Verranno presentate le metodologie di intervento terapeutico fortemente innovative, attraverso la Comunicazione aumentativa alternativa e nuovi dispositivi tecnologici.
Gli spettacoli al Teatro Apollo metteranno in scena casi clinici, per misurare l’impatto emotivo dei problemi mentali sulla coscienza individuale e collettiva.
Gran finale con l’attore Giancarlo Giannini, grande interprete del film “Il male oscuro” del regista Mario Monicelli.