Crotone
Tempo di lettura: 1m 22s

Rientrare o no a scuola? Il primo, vero dilemma del 2021 per i genitori

Riaprire o no? Mandare i figli a scuola o tenerli a casa? Sono questi gli interrogativi delle ultime ore, anche perché tra tre giorni si dovrebbe tornare tra i banchi e riprendere le lezioni, almeno per i più piccoli. Rimane ancora il dubbio per le scuole superiori, per le quale si pensa ad un rientro graduale al 50 percento con ingressi scaglionati. La decisione del Tar prima di Natale aveva “costretto” il sindaco Vincenzo Voce a riaprire i cancelli una settimana prima delle vacanze natalizie. Il risultato, com’era ampiamente prevedibile, è stato il fatto di avere una doppia beffa: banchi vuoti e nessuna possibilità di avere la dad, la didattica a distanza.

Adesso, però, le vacanze sono praticamente terminate. Cosa accadrà? Sembra che il sindaco stia incontrando tutte le parti coinvolte per non arrivare impreparato alla data della riapertura, ma rimane lo scetticismo di alcuni genitori che ancora non sanno se mandare o meno a scuola i propri figli. Alcuni dati però possono tornare utili: alla data del 2-1-2021 (ieri non sono stati forniti i soliti numeri dettagliati) l’Asp di Crotone comunicava che i casi attivi nella provincia erano 364, circa un terzo di quelli registrati nel momento in cui Voce decise di chiudere le scuole, quando il virus circolava in maniera diversa in tutto il territorio. Adesso, dando per scontato che il il primo cittadino difficilmente chiuderà nuovamente gli istituti, molto dipenderà proprio dai genitori. Tornare o no? Questo è il primo, vero dilemma del 2021.