Crotone
Tempo di lettura: 2m 33s

Presentato a Crotone il Centro Studi Leonardo Vinci

Presentato a Crotone, nel corso di una conferenza stampa, ilCentro Studi Leonardo Vinci promosso dall’Associazione Culturale E20 Music, presieduta da Luca Campana, in collaborazione con l’Associazione Festival dell’Aurora e il patrocinio del comune di Crotone.La direzione scientifica di quest’importante progetto, dall’alto valore culturale, è stata affidata al direttore d’orchestra e musicologo Ferdinando Sulla, per la sua grande professionalità. Un progetto ambizioso, dall’alto valore culturale, che punta a recuperare l’immenso patrimonio musicale e iconografico esistente del compositore Leonardo Vinci, tra i massimi rappresentanti della scuola musicale napoletana.Alla conferenza stampa di presentazione, insieme ai maestri Luca Campana e Ferdinando Sulla ha preso parte l’assessore alla cultura del Comune di Crotone Rachele Via. “Abbiamo sposato da subito questo progetto che può portare una importante ricaduta sull’intera società crotonese e allargo l’orizzonte all’interaregione.  Ha detto l’assessore, auspicando che la presentazione del Centro Studi Vinci venga percepito come un momento importante per Crotone. “Noi – ha sostenuto ancora l’assessore Via – riconosciamo in questo progetto un atto di lungimiranza, perché significa crescere nella nostra identità e consapevolezza”. Il Centro Studi Vinci – ha poi spiegato il maestro Luca Campana – è una naturale prosecuzione del Festival di Musica Antica che l’associazione E20 Music dedica dal 2018 a Leonardo Vinci. “In quattro anni abbiamo ottenuto ottimi risultati e attraverso il Festival abbiamo portato importanti musicisti del panorama della musica antica, con conferenze e concerti. Abbiamo voluto alzare l’asticella e pensato di dar vita al Centro Studi, dedicandolo a Leonardo Vinci e recuperandone l’immenso patrimonio musicale iconografico esistente”. 

L’attività del Centro Studi – ha spiegato il direttore scientifico Ferdinando Sulla – parte da zero. Motivo che mi ha spinto ad accettare questo incarico che mi coinvolge affettivamente, soprattutto per il grande desiderio di apportare un personale contributo all’identità storica della mia terra. Il primo obiettivo del Centro mirerà a creare un team di giovani e brillanti musicologi italiani che desidereranno collaborare alla ricerca nello spirito di condivisione e amore per il sapere e per la bellezza. Lavoreremo per proporre giornate di studio e conferenze che consentiranno ai giovani musicologi di ampliare e valorizzare il proprio curriculum. Il giovane direttore d’orchestra ha poi evidenziato che sono già due i progetti editoriali che il Centro Studi Leonardo Vinci ha avviato: due cantate ispirate alla “Passione di Cristo” e l’opera “Alessandro nelle Indie”. Nel concludere il suo intervento il maestro Ferdinando Sulla ha sottolineato che oggi più che mai si avverte il forte bisogno di veicolare la bellezza dell’arte, fondamentale per l’anima.