Crotone,

Panni stesi, i dialoghi della ciavula: “Il condominio della vipera”

– Amì, ca è na guerra -. Mi disse la ciavula un giorno e io, con espressione assai rattristata, le risposi che lo sapevo: e come se non lo sapevo che ovunque nel mondo la gente s’ammazza e distrugge tutto ma che per fortuna qui, in Italia, ci sono sì un sacco di problemi, di politica, sociali eccetera ma non imbracciamo armi (semmai le vendiamo agli altri). La ciavula si mise a ridere. – Tu un’ha capit nent. Si na ciota! Ma figurati chi mi nni frica a mia du munnu! No, no. A guerra è ca. U vi chiru condominio, chiru vicin a ru tuiju? E’ bello no? – Be’ – risposi io – sì insomma. – Eh, tu i vì i panni stinnuti? – No, e come mai? – Oi ciota. Chiri ca stann ddra, ten’n nu cortile e a ogni piano ci su i ballatoi con i cordi stinnuti, tre, quattro cordi stinnuti. Ppi i panni da famigghia. – Embè – risposi io alla ciavula -. E lei: -La guerra è qua. Guerra di posizionamento è. – Cioè? – E cioè questi si liticano il posto ppi i panni. Nu posto a ru sul, tanto per fare dispetto ai condòmini. – Ma possibile? – Possibilissimo! -. Senti a me che mo’ tu cunt io u fatto. All’ultimo piano c’abitn cinc tizi: due donne, amiche tra di loro, un anziano, una coppia senza figli e una vipera. – Come una vipera?!? – No no, c’hai capito. E’ una donna ma cattiva, che come una vipera ietta veleno anche se nessuno la muzzica o la disturba. E’ così. E’ cattiva. Ci sono tante persone così, pure tu u sai no? – E certo -. – E così ‘sta vipera, ‘ na zitella attempata pure n’ignorante, ogni vota ca stenna occupa i cordi chiù luntan dalla sua porta e chiù vicine a chira i l’ati. Si fa 15 metri, ‘sta scema pur i dare fastidio! -. – E gli altri, che fanno? – E, che fanno, se la ridono. Le due amiche vanno d’accordo e se la regolano tra loro quannu hann stinnir u si pistan i pedi. La coppia lavora e sta sempre fuori casa e forse porta i panni alla lavanderia. L’anziano u dà fastidio a nessuno. Stenna il suo bucatino il sabato o la domenica. Figurati: nu linzolo, nu par i asciugamani, duij cazette, duij mutanne e na pezza e i stenna nella porzione di corda che lui può controllare e così appena asciutti li toglie e si porta a ra casa. E’ proprio n’omino simpatico ed educato. C’ha più di novant’anni, chissà quanti cose ha visto dint a vita suija! E nenti… vipera per fortuna è iddra sula. Certi voti stenna panni che manco sembrano vagnati! Para ca u fa sulu per occupare i cordi e dare fastidio. Ma l’at sa ridono. Tanto a loro u ci fa nisciuno dispetto. Ma iddra, tosta, muzzica, ‘sta vipera!. E guà, guà la gazza! Cià cia!- La “mia” ciavula se ne stava volando via ma io avevo tante cose da chiederle e la fermai. –E adesso che c’entra la gazza? – Eh, chira gazza è n’amica mia ma si mette sempre nei guai.. iddra è latra no, u sa? – Ah già, la gazza ladra, l’ha detto pure Rossini – Ma che Rossini e Rossini… l’amica mia sa arrubbatu nu bigliett i 20 euro e la devo avvisare… – Di cosa la devi avvisare? – Ca puzza chira carta. Che lo deve lasciare cadere. – Guarda che pecunia non olet, il denaro non puzza! – U dici tu. Perché u nu sa ca puzza veramente e a tenerlo nel becco ti puoi pure infettare. Ma la gazza, si sa, prende tutto, tutto quello che è colorato e brilla. Inutile, la gazza non è intelligente come noi ciavule. E’ chiù bella sì, con quella livrea bianca e nera ma è impulsiva. Non se la regola. Cià. – E se n’è volata. Lasciandomi con tutte le domande che volevo farle. La prima di tutte: come mai parla in dialetto crotonese così bene? Alla prossima volta. Giuro che appena la vedo di nuovo questa è la prima domanda che voglio fare alla “mia” ciavula. Ma che nome ci posso dire a iddra… Oddio… mo’ comincio a parrare come lei. Mai.
Gentile da Rocca

Tag:, ,

Istituto S.Anna