Crotone,
Tempo di lettura: 5m 4s

La Biblioteca Comunale “Lucifero” di Crotone vince il Premio nazionale per il libro e la lettura 2022

La Biblioteca Comunale “Armando Lucifero” ha vinto il Premio nazionale per il libro e la lettura 2022, conferito dal Cepell, Centro per il libro e per la lettura, Istituto autonomo del Ministero della Cultura – Direzione Generale Biblioteche e diritto d’autore.

La comunicazione  dell’importante riconoscimento assegnato alla Città di Crotone e alla sua Biblioteca, è stata data questa mattina dall’assessore alla Cultura Rachele Via, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta presso la Casa della Cultura. 

L’assessore Via era affiancata da Valeria Cassano, responsabile della Biblioteca e da Carmen Messinetti funzionaria dell’Ufficio Cultura.

Il riconoscimento viene assegnato ai migliori progetti di promozione della lettura realizzati nel corso dell’anno. 

Alla Biblioteca Comunale “A. Lucifero” è stato conferito il riconoscimento per il progetto: “Maggio dei Libri del Patto Locale per la Lettura Città di Crotone”.

La cerimonia di premiazione si svolgerà a Roma il 9 dicembre prossimo, in occasione della Fiera della piccola e media editoria, “Più libri più liberi” dalla giuria composta da importanti personalità del mondo della cultura.

L’assessore Via ha illustrato il percorso che ha portato alla realizzazione della proposta premiata, innovativa già nella sua concezione in quanto portata avanti insieme agli aderenti al Patto locale per la lettura, attraverso un vero e proprio accordo tra tante realtà associative che hanno contribuito alla realizzazione dei numerosi eventi culturali che si sono snodati per tutto i mesi di aprile e maggio.

Il ricco calendario di iniziative promosso dalla biblioteca ha preso avvio con la Mostra celebrativa dei 70 anni del “Premio Letterario Crotone” a cui hanno collaborato Gaetano Leonardi e Christian Palmieri e si è via via arricchito di oltre venti appuntamenti, a ingresso gratuito, ideati dai sottoscrittori del Patto e coordinati dal Comune, che hanno trovato realizzazione in angoli diversi della città, dal centro alla periferia, con un riguardo alla riscoperta della città vecchia e ad alcuni dei suoi angoli più nascosti. 

Una serie di eventi di diversa tipologia, ma legati dall’intento di sottolineare l’importanza della lettura, nel passato come nel presente della città di Crotone, partendo, non a caso, dalla celebrazione di un Premio letterario nato dalla volontà di riaffermazione identitaria del Mezzogiorno, di riscatto sociale volutamente cercato attraverso il ricorso alla forza della letteratura e delle parole degli intellettuali; un premio che riusciva a gremire i teatri di contadini e operai, accorsi per ascoltare scrittori e poeti e sentir parlare di libri. 

Questa l’importante realtà del Premio Crotone che si è voluta ripercorrere, questo lo spirito che ha animato la realizzazione degli eventi che da esso hanno preso avvio, e che si riallacciano trasversalmente al tema del Maggio di quest’anno, scelto dal Cepell: “Contemporaneamente “Leggere per comprendere il passato, il presente e il futuro”: “leggere i documenti, le testimonianze, i romanzi del Premio Crotone” per comprendere il nostro passato, mostrarlo alle giovani generazioni e farne monito per il futuro; ma anche “leggere i romanzi di oggi per comprendere il presente” in un confronto riflessivo e costruttivo di crescita culturale. 

Diverse le tipologie degli incontri tenutisi: dai seminari di approfondimento sulla storia e sull’archeologia, ai laboratori per bambini, dagli incontri con gli autori, alle attività di lettura creativa, alle iniziative presso il punto di bookcrossing dell’Orto botanico.

L’assessore Via ha rinnovato il ringraziamento ai soggetti che hanno partecipato: il GAK – Gruppo Archeologico Krotoniate, la Libreria Cerrelli, l’associazione Pantagruel/Italia Nostra, l’associazione Vivere In, la Fondazione D’Ettoris, la Società Dante Alighieri–Comitato di Crotone, l’associazione Mutamenti in collaborazione con l’I.C. Papanice, l’associazione Noi Mamme e Bebè.

Ha voluto inoltre evidenziare il lavoro di coordinamento svolto dal personale che opera nella biblioteca Comunale a cominciare da Valeria Cassano, vera anima del progetto e Antonio Siclari.

Un ringraziamento speciale è stato indirizzato ad Antonio Scerra, per la costante collaborazione tecnica alla promozione del progetto e alla funzionaria Carmen Messinetti.

“Siamo particolarmente orgogliosi di questo prestigioso riconoscimento che premia il lavoro della nostra biblioteca, la dedizione dei nostri operatori, la preziosa opera che le associazioni culturali compiono sul territorio. L’assegnazione di questo premio dimostra che la biblioteca, nonostante le difficoltà attraversate, continua ad essere un fondamentale avamposto culturale, uno strumento vivo che fa da traino agli attori locali, con la collaborazione dei quali sostiene la crescita socio-culturale del territorio, e di cui promuove le attività su un piano nazionale”.

La conferenza stampa è stata anche occasione per presentare ulteriori novità che interessano la Biblioteca Comunale. L’ottenimento, anche per l’anno 2022, del “Contributo alle biblioteche per acquisto libri. Sostegno all’editoria libraria” – Decreto Franceschini, che ha permesso l’acquisto di 500 nuovi libri, tra saggistica, narrativa, testi sulla storia locale e la filosofia pitagorica, e libri destinati alla Sezione ragazzi, (con romanzi fantasy, manga, fumetti e graphic novels), già disponibili in biblioteca; la riassegnazione della qualifica di “Città che legge” anche per il biennio 2022-2023 e l’avvio di Gruppi di lettura, che con cadenza mensile, si terranno presso la sede della biblioteca. Primo a partire, domani 29 novembre, alle ore 17.00, l’”English corner at the library”, un angolo dove conversare con un madrelingua inglese di libri e di altro. L’ingresso agli incontri – che saranno promossi di volta in volta sui canali social della biblioteca, è gratuito e aperto a tutti, fino ad un massimo di 10 persone.