Crotone,
Tempo di lettura: 2m 22s

Il 7 e 8 agosto a Cutro la “Voce dei Calanchi”

Tutto pronto per la seconda edizione di Voci Dai Calanchi, festival organizzato dall’associazione di promozione sociale Calanchi del Marchesato. Una due giorni all’insegna del Cinema sotto le stelle, arte, musica e trekking: un’esperienza immersiva nei calanchi del Marchesato, un contatto diretto tra l’uomo e la terra, una terra arida e viva, aspra e affascinante.

La prima edizione del festival è stata nel 2020 e sospesa nel 2021 a causa della pandemia. Quest’anno si ritorna a far rivivere i luoghi che l’associazione ha deciso di tutelare e proteggere perché minacciati dalla realizzazione di una discarica.

Come nella precedente edizione, il festival è totalmente autofinanziato dall’associazione ed è frutto della collaborazione gratuita di soci, aziende e artisti locali che hanno deciso di abbracciare il progetto dei calancheasy, come amano definirsi i ragazzi dell’associazione, un progetto ambizioso che punta a valorizzare ed a far conoscere il paesaggio calanchivo a ridosso dei comuni di Cutro e Roccabernarda.

Ancora una volta questo gruppo di giovani si distingue per originalità e innovatività del progetto, in cui farà da protagonista il cortometraggio del regista Gaetan Crivaro, Piaga, interamente girato nelle campagne di Cutro, che sarà proiettato sotto le stelle proprio sull’argilla dei calanchi.

Le attività si svolgeranno in due giornate, la prima quella di domenica 7 agosto inizierà alle 18 con una passeggiata al tramonto che condurrà i partecipanti alla location dell’evento, dove è prevista una esposizione artistica a cura di Monica Arabia, Dorotea Li Causi, Mammarulla e Rosanna Vetturini che esporranno opere ispirate o realizzate con l’argilla dei calanchi. La serata sarà allietata dalla musica dei Phaleg, gruppo calabrese di musica popolare, durante il concerto sarà possibile degustare prodotti a km Zero made in Cutro e offerti da aziende locali, frutto di una tradizione agroalimentare millenaria.

La serata proseguirà con la proiezione del cortometraggio di Crivaro e un VJING dal titolo – LANDSCAPES –  HOMELESS, una performance cine –  sonora in tecnica mista a cura de l’Ambulante con musiche di Malutempu e performance sonora di Antonio Olivo e Domenico Manico.

Lunedì 8 agosto alle ore 17.00, invece, per gli amanti del trekking, è prevista un’escursione sul Sentiero La Scala, che dalle biancane monumentali della Via Veteram ci porterà fino all’area SIC Stagni sotto Timpone San Francesco.

Momento conclusivo del festival, l’inaugurazione di “Madri d’argilla”, mostra fotografica ideata e curata da Martina Ciconte, che sarà aperta al pubblico a partire dalle ore 21 a Cutro in piazza Umberto I, 9.

È possibile visionare e scaricare il programma di voci dai calanchi sul sito www.calanchidelmarchesato.com