Crotone,
Tempo di lettura: 2m 53s

Ferrara, premiata la crotonese Claudia Rubino

C’è stata anche un po’ di Calabria alla cinquantaduesima edizione del Premio Estense, organizzato da Unindustria Ferrara, in collaborazione con prestigiose aziende ed istituzioni e finalizzato a valorizzare le eccellenze del giornalismo italiano.

Nel Teatro comunale di Ferrara “Claudio Abbado” è stato consegnato a Claudia Gaetana Rubino il Premio Estense Digital “Piazza nova” per la migliore recensione del libro finalista “Via Crucis”, scritto da Gianluigi Nuzzi, giornalista e volto noto della televisione italiana.

Accanto al celebre concorso letterario, infatti, si è affiancata dal 2015, la competizione “Piazza Nova”, in collaborazione con Mondadori e, nello specifico, con la piattaforma digitale Anobii, finalizzata a premiare la migliore recensione delle quattro opere finaliste a giudizio dei relativi autori.

La Rubino si è cimentata con la recensione del libro Via Crucis, edito da Chiarelettere nel 2015, opera con cui il noto giornalista Gianluigi Nuzzi, saggista e conduttore televisivo, è ritornato ad occuparsi di Santa sede, dopo i successi di “Vaticano S.p.A.” e ”Sua santità – Le carte segrete di Benedetto XVI” e, avvalendosi di materiale inedito, ha scoperchiato l’inquietante lotta intestina tra i fedelissimi di Papa Francesco, integerrimi e speranzosi sostenitori del cambiamento, e gli antieroi, impegnati ad ostacolare e dirottare l’anelito riformatore.

Claudia Gaetana Rubino, ha avviato la propria esperienza giornalistica nel 1997 per poi conseguire l’iscrizione dell’elenco dei giornalisti nel 2000 e diventare responsabile dell’Ufficio stampa della Camera di commercio di Crotone dal 2004.

Nel corso degli anni ho maturato diverse esperienze professionali e molteplici interessi ma la mia passione per eccellenza rimane sempre la lettura – è il commento della stessa – Pertanto, essere premiata in una fucina di cultura quale il Premio Estense mi riempie di gioia e mi stimola a continuare ad arricchire la mia libreria di preziose letture, da valorizzare e condividere anche mediante nuove tecnologie quali la piattaforma Anobii”.

La cerimonia di premiazione, condotta dall’apprezzata giornalista televisiva Cesara Buonamici, è stata incentrata su momenti di grande spessore culturale, come il confronto con i singoli autori finalisti: Gianluigi Nuzzi autore di “Via Crucis”, Mattia Feltri, con “Novantatrè”, Paolo Morando con “80, l’inizio della barbarie” e Sabrina Pignedoli con “Operazione Aemilia”.

Proprio la Pignedoli, giovane giornalista del Resto del Carlino, è risultata vincitrice del Premio Estense, con un libro-inchiesta incentrato sull’infiltrazione della ‘ndrangheta, e nello specifico delle cosche cutresi, nell’economia del nord.

Nel corso della manifestazione sono intervenuti tra gli altri: Antonio Polito, vice direttore del Corriere della Sera, al quale è stato attribuito il Premio Granzotto; il Presidente nazionale di Confindustria Vincenzo Boccia ed il Direttore del Sole 24 Ore, Roberto Napoletano.

A concludere l’evento l’incontro con gli autori premiati, svoltosi nel Ridotto del Teatro, ulteriore momento di edificante colloquio con le migliori penne del panorama editoriale italiano: “Gianluigi Nuzzi ha espressamente ribadito il suo apprezzamento per la recensione, che ha scelto in prima persona tra tutte quelle pervenute – conclude la Rubino – e nel redigere la dedica autografa al libro ha espresso l’augurio a mio avviso più bello ‘Con coraggio, sempre liberi’”.