Crotone,
Tempo di lettura: 1m 4s

Domani al Parco Pitagora l’incontro dal tema “”Crucoli: la sua evoluzione da Statio, a Casale, a Castrum, a Marchesato”

Giovedì 28 aprile, alle ore 18,00, presso il Museo dei Giardini di Pitagora, l’ing. Giuseppe Celsi terrà la relazione sul tema: “Crucoli: la sua evoluzione da Statio, a Casale, a Castrum, a Marchesato”. Nella relazione saranno esaminati gli elementi della storia antica del territorio di Crucoli, al margine settentrionale della Crotoniatide, attraverso una rassegna delle principali evidenze archeologiche.
I dati disponibili sono pochi, le ipotesi diverse, le incertezze tante.
La frazione sulla costa è stata sede di un insediamento del periodo imperiale, lungo il percorso stradale romano attorno alla staztio di Paternum, poi abbandonato tra il tardo antico e l’alto medioevo.
Intorno all’anno mille compare un nuovo centro abitato collinare, le cui tracce iniziali sono poche ed incerte.
Le prime attestazioni risalgono alla fine dell’età sveva. Dall’età angioina in avanti il “castro Curuculi in Valli Gratis et Terra Iordana” è assegnato a feudatari che sono sostanzialmente mlitari, che traggono reddito dal feudo ma senza risiedervi. Arriveranno poi i d’Aquino di Castiglione e quindi gli Amalfitani del Sedile di Crotone. Agli inizi del seicento queste nobili famiglie del Regno di Napoli otterranno quasi contemporaneamente   il titolo di Principe di Crucoli e di Marchese di Crucoli