Crotone, Operazione Jonny: i Poerio puntavano ai servizi del Senato

I Poerio puntavano ai servizi del Senato. Il dato emerge da una intercettazione ambientale nell’ufficio di Antonio Poerio, uno dei 68 fermati nell’Operazione Jonny, e per i quali questa sera si pronunceranno i gip di Crotone e Catanzaro.

L’occasione è una discussione nell’ufficio di Poerio per una attentato incendiario ai danni della ditta Chisari. Gaetasno Srl la notte del 14 febbraio 2016.

Scrivono gli inquirenti: “Il quadro indiziario che delinea la vicenda (attentato alla ditta Chisari ndr) in esame si completa con ulteriori esiti captativi relativi alla operazioni di intercettazione telematica attivi all’interno dell’ufficio di Antonio Poerio. In particolare, si rivela significativa la conversazione ambientale alle ore 12:48 tra Giovanni Chiodo e Antonio Poerio, allorchè quest’ultimo manifestava a Chiodo la sua tensione a cagione dei soggetti indicati con epiteti aspramente denigratori (di merda) dei quali i due stavano parlando, nonché dei controlli della pubblica autorità (la legge) che lo sottoponeva a eccessivo controllo (gli sta “cacando il cazzo”), lamentandosi di non ricevere sufficiente tutela dall’autorità pubblica. In tale contesto Antonio Poerio riferiva di un incontro avuto nella mattinata con alcuni soggetti che lo avevano fermato in prossimità del cancello dei Capicchiano per parlargli, e della contrarietà che aveva loro manifestato giacché l’incontro era avvenuto in una zona sottoposta a videosorveglianza e della risposta del predetto soggetto che lamentava la difficoltà di incontro con Poerio che gli avrebbe interdetto anche di andare a trovarlo presso i suoi locali. Antonio Poerio, facendo riferimento al contesto dei soggetti oggetto della conversazioni, li definiva cani sciolti, ribadendo gli epiteti negativi nei loro confronti (pezzi di merda) e manifestando l’intenzione che qualora si fosse aggiudicato una gara di appalto di servizi a Roma per il Senato, lui avrebbe abbandonato l’attività che svolgeva ad Isola di Capo Rizzuto”.

Notizie Correlate

Cultura e Spettacolo

Stefano Bollani – Arrivano gli alieni

Terzo disco da solista per il compositore, pianista e cantante jazz Stefano Bollani, dopo Smat Smat (2003) e Piano solo (2007).

Everest

Jake Gyllenhaal veste i panni di uno scalatore nello spettacolare e drammatico film ispirato ad una storia vera.

Stephen King – Chi perde paga

Torna il “re” del thriller con il secondo capitolo della trilogia poliziesca dedicata alle inchieste del detective Bill Hodges.

James Taylor – Before this world

Il leggendario cantautore statunitense torna al primo posto della classifica Billboard America a 45 anni di distanza dall’ultima volta.

Terzo disco da solista per il compositore, pianista e cantante jazz Stefano Bollani, dopo Smat Smat (2003) e Piano solo (2007).

Jake Gyllenhaal veste i panni di uno scalatore nello spettacolare e drammatico film ispirato ad una storia vera.

Torna il “re” del thriller con il secondo capitolo della trilogia poliziesca dedicata alle inchieste del detective Bill Hodges.

Il leggendario cantautore statunitense torna al primo posto della classifica Billboard America a 45 anni di distanza dall’ultima volta.

© 2017 RGB Communication srls · PI 03409750795 · Powered by Idemedia.