Crotone,

Crotone, coperte e indumenti per migranti e cittadini poveri

Quando le associazioni, soprattutto quelle del Terzo settore, fanno squadra i risultati concreti si vedono. Questo è l’ennesimo caso in cui la squadra, la rete funziona e lo fa a beneficio dei cittadini e dei più sfortunati.

La storia è semplice e la racconta Pino De Lucia, per decenni presidente della cooperativa sociale Agorà Kroton.

“Nelle scorse settimane sono stato contattato da un vecchio compagno, Enzo Infantino di Palmi, una persona eccezionale con la quale ho avuto modo di collaborare decine volte, anche in Albania ai tempi della guerra del Kosovo. Mi chiama per dirmi che lui conosce un sacerdote di Lungro, in provincia di Cosenza, che ogni tanto riceve donazioni da una importante compagni aerea tedesca. Padre Salvatore Sulla si è messo subito a disposizione quando Infantino gli ha proposto di aiutare i migranti e i poveri di Crotone. Così, insieme a Claudio Baucknecht che ha coinvolto le associazioni on The Road e Kroton Community, abbiamo incontrato i ragazzi della cooperativa “JP2, Giovanni Paolo secondo” che con la chiesa di San Paolo effettuano già raccolta di indumenti. Da loro abbiamo stoccato la merce che ci è arrivata e ora abbiamo cominciato a distribuirla. Nei giorni scorsi, grazie all’aiuto di alcuni mediatori, ci siamo recati nei pressi della stazione ferroviaria dove vivono una settantina di migranti. A loro abbiamo distribuito coperte, lenzuola, cuscini e indumenti. Tutta roba nuova. Ora stiamo cominciando a contattare le parrocchie e con il loro aiuto cercheremo di distribuire le stesse cose alle famiglie di Crotone più povere e che ne hanno bisogno”. m

Tag:,