Crotone,
Tempo di lettura: 1m 14s

Una pistola nascosta nell’automobile: polizia arresta figlio di un boss di Isola Capo Rizzuto

Personale della Squadra Mobile coadiuvato da personale del Reparto Prevenzione Crimine “Calabria Settentrionale” di Cosenza, ha effettuato un controllo presso un esercizio commerciale nel comune di Isola di Capo Rizzuto.

All’interno del locale, il personale operante dopo aver identificato la proprietaria, ha effettuato un controllo nei confronti di un avventore, che in quel momento era seduto su un divanetto.

L’uomo, A. S. nato a Crotone classe 1982, conosciuto alla Polizia poiché figlio di un noto elemento di spicco della criminalità organizzata di Isola Capo Rizzuto, è stato trovato in possesso di un proiettile riportante sul fondello la dicitura “1980”, verosimilmente cal. 7,62×39 di nazionalità russa. Successivamente gli agenti hanno perquisito l’autovettura in uso ad A.S., parcheggiata nei pressi dell’esercizio commerciale, nella quale è stata rinvenuta, nel vano porta fusibili sotto il volante, una pistola marca “Beretta Mod. 950” cal. 6.35 con matricola abrasa, munita di caricatore rifornito da 7 proiettili di analogo calibro riportante sul fondello la dicitura “GFL”. Il tutto è stato recuperato dagli Agenti e sottoposto a sequestro.

Per A. S. è scattato l’arresto per i reati di “porto e detenzione in luogo pubblico di arma clandestina e munizionamento da guerra e ricettazione” e dopo le formalità di rito è stato associato presso la locale Casa Circondariale di Crotone, a disposizione dell’autorità giudiziaria.