Crotone
Tempo di lettura: 51s

La Croce è a Le Castella, rimarrà fino a domenica

“Qualche legno della barca del naufragio… ne faremo una croce per i tanti crocifissi morti innocenti inchiodati come il Cristo”. Era questa l’idea di don Francesco Loprete e degli altri sacerdoti della zona, con in testa il parroco di Steccato don Pasquale Squillacioti. In poche ore la Croce è stata realizzata da un artigiano di Le Castella, Maurizio Giglio, e ha ricevuto la benedizione poco fa dopo un momento di preghiera. Probabilmente verrà utilizzata per la via crucis. Rimarrà a futura memoria, così come l’impegno della gente di Steccato di Cutro in quella tragica alba del naufragio. Attualmente la croce di trova nella chiesetta al centro di Le Castella, la frazione nel Comune di Isola Capo Rizzuto ed è possibile visitarla. Rimarrà probabilmente fino a domenica. “Ha un solo braccio – spiega don Francesco – significa che Cristo continua a soffrire per gli uomini innocenti, come le vittime di Steccato”.