Reggio Calabria,

Tredici anni fa gli incendiarono il negozio: l’urlo di Tiberio Bentivoglio

“Il 13 aprile del 2005, hai bruciato il mio negozio, prima di farlo hai dovuto chiedere il permesso a chi sta sopra di te perché tu non sei NESSUNO, e sarai sempre un pezzo di m… sottomesso. Tu non potrai mai guardare in faccia i tuoi figli, IO si. Tu non potrai mai camminare a testa alta, IO si. Tu striscerai sempre come un serpente e morirai ogni volta che mi incontri. IO invece morirò una sola volta e con la schiena Dritta”.

Tiberio Bentivoglio

Tag:, ,

Aurum