Crotone
Tempo di lettura: 1m 36s

Trasporto scolastico, il Comune pensa all’affidamento diretto

Il sindaco Vincenzo Voce ha incontrato i genitori che, questa mattina, protestavano per il trasporto scolastico prima in piazza della Resistenza e poi nella Sala Consiliare.

A loro, sia in piazza a tutti i presenti che alla delegazione che ha partecipato all’incontro nel palazzo di città al quale era presente l’assessore alla Pubblica Istruzione Rachele Via, il sindaco ha ribadito che il bando emanato dall’amministrazione avrebbe garantito il trasporto fino alla fine dell’anno scolastico a tutti i bambini senza alcuna modifica rispetto al passato ad eccezione del sabato, unico sacrificio richiesto ai cittadini e di una minima riduzione del costo chilometrico da 3,10 euro a 3.00 euro, il che avrebbe inciso sulla gara solo per 2000 euro.

Il sindaco ha ricordato che si è difronte ad un servizio a domanda individuale il cui costo incide per il 75% sulle casse comunali e restante 25% sulle famiglie che usufruiscono del servizio.

Nella ristrettezza delle risorse comunali si era comunque pervenuti ad una soluzione con il bando che avrebbe garantito il servizio fino alla fine dell’anno, che è andato deserto. 

Questo ha causato la situazione attuale.

Tuttavia il sindaco ha ribadito la volontà dell’amministrazione di garantire il servizio.

La soluzione prospettata per ripristinare immediatamente il servizio ed unica percorribile, dopo che la gara per la quale erano stati previsti 142.000 euro è andata deserta, è un affidamento diretto nei limiti previsti dalla normativa per una somma fino a 75.000 euro.

Naturalmente l’obiettivo dell’ente è più ampio. Infatti è intenzione dell’amministrazione prevedere per i prossimi anni scolastici un bando più ampio che garantisca l’affidamento del servizio al soggetto che siaggiudicherà la gara per un periodo di tre anni.