Crotone,
Tempo di lettura: 1m 25s

Sindaci calabresi a Roma per chiedere la revoca del commissariamento della Sanità

 Il 19 novembre i sindaci calabresi saranno a Roma per chiedere il superamento del commissariamento della Sanità in Calabria. Sit-in di protesta davanti a palazzo Chigi a Roma il 19 novembre alle 12, con la partecipazione in presenza di tutti i sindaci della Calabria finalizzato ad ottenere, tramite il recepimento di proposte di emendamento ed integrazioni da recepire in sede di conversione in legge del “Decreto Legge Calabria”.
In considerazione della delicata situazione in cui versa la sanità regionale, i sindaci chiedono che vengano introdotte queste modifiche all’interno del documento governativo:
Superamento del commissariamento della Sanità nella Regione Calabria.
Abbattimento e ripiano del debito storico del settore determinatosi nelle stagioni commissariali.
Potenziamento del personale nella rete sanitaria regionale con superamento delle rigide barriere poste dall’art. 11 del precedente provvedimento “Calabria”.
Richiesta di immediata adozione od integrazione Piano Covid con allestimento dei necessari posti letto di terapia intensiva e subintensiva con:
conseguente assunzione del personale medico e paramedico occorrente;
acquisizione delle necessarie strumentazioni elettromedicali per riattivazione e potenziamento delle capacità degli Ospedali Spoke e di quelli Generali, nonché dei Dipartimenti di Prevenzione, con riguardo alla medicina territoriale e realizzazione degli USCA.
Coinvolgimento dei Sindaci a partire dalla immediata attivazione delle Conferenze Sanitarie Aziendali e dalla convocazione urgente dei Presidenti delle suddette Conferenze al fine di definire congiuntamente agli organi regionali e nazionale le modalità e le linee principali di azione per uscire il prima possibile dal Commissariamento ed avviare una nuova stagione della tutela della salute dei cittadini calabresi e del rilancio della sanità pubblica regionale.