Crotone,

Scifo, M5S: “Il sindaco prenda una decisione, sembra il personaggio di Ecce Bombo”

Riceviamo e pubblichiamo

“Apprendiamo da una nota stampa del sindaco Ugo Pugliese, pubblicata in data 08/03/2017 sul sito istituzionale del Comune di Crotone che “Scifo è una situazione estremamente delicata, impone all’Amministrazione di non fare scelte “di pancia”, dettate più dall’emotività che non dal raziocinio […] i crotonesi possono stare tranquilli, perché l’amministrazione ha una particolare attenzione sulla vicenda, nell’interesse della città e dei cittadini, confermando quello che ho già più volte espresso e cioè che non vengano fatte aggressioni alla costa crotonese”.

Rispondiamo al sindaco Ugo Pugliese che sono passati due mesi dal suo comunicato stampa del 04/01/2017 in cui diceva: “se potrò, fermerò”, che a tratti sembra voler rielaborare in chiave ancor più inetta la celebre frase “faccio cose, vedo gente… nulla di preciso” tratta dal film di Nanni Moretti “Ecce bombo”. Ad oggi non si è mossa foglia, più specificatamente, non sono stati revocati i permessi a costruire ed è paradossale tutto questo, soprattutto dal momento che tale inerzia proviene da una persona che dice di amare l’ambiente. Perché lasciare perpetrare questo sopruso ai danni di una già delicata Riserva marina, interessata da vincoli paesaggistici ed archeologici?  Nel silenzio delle sue stanze ha permesso (o per meglio dire “lasciato”) che venisse costruita una mega  piscina di oltre 1000 mq, aggravando così un progetto edilizio già di per sé impattante nell’area del parco archeologico di Capo Colonna.

Il primo cittadino dovrebbe certamente informarsi al meglio, come afferma,  ma a patto che produca in tempi ragionevolmente rapidi azioni per il bene dei cittadini e  per la tutela del territorio. Azione/reazione. Non abbiamo mai chiesto di farsi guidare dall’emotività, ci mancherebbe. Si sarà documentato, attraverso esperti funzionari del Comune e/o altri esperti del settore, che hanno ricostruito questa triste storia ed avrà senz’altro notato la fitta nebbia che circonda la documentazione presente negli uffici del Comune.

I cittadini consapevoli, informati e responsabili non vogliono un ecomostro nella splendida località di Scifo, desiderano un turismo ecosostenibile e non frutto di una cementificazione selvaggia che procuri vantaggi economici per pochi a discapito del “Bene comune”, da lei tanto professato durante la campagna elettorale.  Tutta questa attesa sembra un continuo prendere e perdere tempo. La nostra richiesta è semplice: metta mano al P.S.C. e salvi la nostra storia, i nostri valori, la nostra eredità per l’avvenire.

Durante la sua Amministrazione, abbiamo evidenziato il problema di Scifo già nel corso dell’evento del 12 ottobre 2016, con Tomaso Montanari,  importante  storico dell’arte e con il Senatore Nicola Morra del M5S, invitandola con lettere e interrogazioni anche nei mesi successivi ad attivarsi per risolvere la questione, assumendosi le dovute responsabilità. Conosciamo tutti la triste cronistoria relativa a Scifo culminata il 14 febbraio con il sequestro della Procura, confermato dal Gip. Anche se Lei è subentrato ad opera avviata, questo non può giustificare la Sua inerzia ed il suo silenzio.

Ora il tempo è scaduto. Dica a chiare lettere cosa intende fare senza tergiversare o appigliarsi a ipotetici pareri tecnico-legali peraltro già ampiamente espletati nel maggio 2014, secondo i quali ricorrevano le condizioni per l’annullamento del permesso a costruire.

Noi continueremo a vigilare ed avanzare proposte tutte volte alla difesa, valorizzazione e tutela del nostro territorio perché il promontorio di Capo Colonna è la perla del nostro territorio.  Sperando che la sua prossima mossa sia un atto concreto e non un nuovo e formale comunicato stampa.  Buon lavoro”.

 

 

I portavoce del  MoVimento 5 Stelle Crotone

Ilario Sorgiovanni e Andrea Correggia

Tag:,

Istituto S.Anna