Crotone
Tempo di lettura: 1m 10s

Polizia trova un minorenne in una sala riservata a maggiorenni: 5 dispositivi sequestrati

Nell’ambito dei servizi predisposti dalla Questura per verificare l’osservanza di leggi e regolamenti nello svolgimento delle attività commerciali, sono stati effettuati dei controlli ad alcune attività in provincia, precisamente nei territori dei Comuni di Mesoraca e Roccabernarda.

Personale della Squadra Amministrativa della Questura, con il concorso del Reparto Prevenzione Crimine di Cosenza, a Mesoraca, al momento dell’accesso in un esercizio di raccolta scommesse, ha rilevato la presenza, tra gli avventori, di un minore degli anni 18 e la conduzione dell’attività affidata ad una persona risultata essere non autorizzata alla rappresentanza del titolare.

Pertanto, al termine del controllo sono state elevate 2 sanzioni amministrative nei confronti del titolare per aver esercitato l’attività oggetto di licenza mediante un preposto non autorizzato (€ 1.032) e per aver concesso l’accesso ad un minore degli anni 18 all’interno dei locali al cui interno veniva svolta come attività prevalente quella delle scommesse sportive con vincite in denaro (€ 6.666).

A Roccabernarda, al termine di un controllo ad un’attività di somministrazione di alimenti e bevande con annessa sala slot, il titolare è stato sanzionato (€ 50.000)  in quanto all’interno della sala slot, è stata riscontrata la presenza di 5 congegni elettronici non rispondenti alle caratteristiche prescritte dalla vigente normativa in materia, che sono stati pertanto sottoposti a sequestro amministrativo.