Crotone,
Tempo di lettura: 1m 42s

Pnrr, 7 progetti per il Sociale presentati dal Comune di Crotone

Sono sette gli interventi programmati dall’Ambito Sociale di Crotone in partenariato con gli altri Ambiti Territoriali limitrofi, per un finanziamento totale richiesto pari a € 5.726.500,00. Le proposte sono state presentate per rispondere all’Avviso del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Missione 5 “Inclusione e Coesione”, Componente 2 “Infrastrutture Sociali, Famiglie, Comunità e Terzo Settore”, sotto componente 1 “Servizi Sociali, Disabilità e Marginalità Sociale” a valere sui fondi PNRR. A renderlo noto è il Comune di Crotone che precisa: “In particolare, l’Ambito di Crotone ha coinvolto gli Ambiti Territoriali Sociali di Cirò Marina, Mesoraca e San Giovanni in Fiore sull’Investimento 1.3 che si sostanzia in due diverse linee di attività: la prima relativamente a un progetto di “Housing first” per un importo di € 710.000,00 e la seconda per la realizzazione di Centri servizi povertà estrema (stazioni di posta e Centro Servizi) per un importo complessivo di € 1.090.000,00. L’Ambito Sociale di Crotone e l’Ambito Sociale di Cirò Marina hanno inteso unire le forze anche su altre 3 diverse linee di intervento che riguardano specificatamente la progettazione relativa a: 

– percorsi di autonomia per persone con disabilità per un importo complessivo richiesto di € 715.000,00

– sostegno alle capacità genitoriali e prevenzione della vulnerabilità delle famiglie e dei bambini per un importo di € 211.500,00

– rafforzamento dei servizi sociali domiciliari per garantire la dimissione anticipata assistita e prevenire l’ospedalizzazione per un importo richiesto di € 330.000,00. Infine, l’ATS Crotone, sempre in qualità di Capofila, insieme all’ATS di Cirò Marina e all’ATS di Mesoraca. hanno presentato proposte sulla linea di investimento che riguarda segnatamente l’autonomia degli anziani non autosufficienti per un importo di € 2.460.000,00 e il rafforzamento dei servizi sociali e prevenzione del fenomeno del burn out tra gli operatori per un importo di € 210.000,00”.