Petilia Policastro,

Petilia, discoteca senza autorizzazione: festa interrotta e denunce per gli organizzatori

I carabinieri durante i controlli al Vida Loca

Avevano organizzato tutto nei minimi particolari: pista da ballo, privè, banconi per il servizio bar, cartelloni pubblicitari, luci e divanetti. Doveva essere la serata danzante di primavera per la discoteca Vida Loca (chiusa da tempo) di località Pantano di Petilia Policastro, ma nessuno aveva pensato a procurarsi le autorizzazioni previste dalla legge. Così ai carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro, che hanno eseguito i controlli, non è rimasto altro da fare che riempire i moduli per la multa e denunciare gli organizzatori della festa.

I controlli dei Carabinieri, infatti, hanno fatto emergere come gli organizzatori della serata, un uomo di 50 anni e due giovani di 34 e 28 anni, non si fossero muniti delle previste autorizzazioni.

I militari hanno rilevato e contestato l’esecuzione di spettacoli e trattenimenti pubblici senza licenza, l’apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento in relazione alla mancanza di requisiti oggettivi e di licenze e l’inosservanza dei provvedimenti dell’autorità in relazione alla violazione di un’ordinanza comunale che vietava l’attività di discoteca in località Pantano.

Gli organizzatori, secondo i primi accertamenti, non avevano effettuato alcuna segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), né erano state effettuate le valutazioni tecniche previste per l’adeguatezza del locale al tipo di serata organizzata, mettendo potenzialmente a repentaglio la sicurezza e l’incolumità degli avventori e dei giovani presenti.

Tag:,

Aurum