Crotone,

Operazione Stige: commissione antimafia al Comune di Strongoli e commissario prefettizio a Cirò Marina

Riceviamo e pubblichiamo

“Si informa che su sulla base degli elementi emersi dal procedimento penale a cura della DDA di Catanzaro, noto come operazione “Stige”, sfociato con applicazione di provvedimenti di custodia cautelare nei confronti , tra gli altri, del Sindaco di Strongoli, il Prefetto di Crotone, è stato delegato dal Ministro dell’Interno all’esercizio dei poteri di accesso ed accertamento con le modalità e la tempistica di cui all’art. 143 del dlg.vo 267/2000, al fine di verificare se ricorrano pericoli di infiltrazione e/o condizionamenti da parte della criminalità organizzata, nell’ambito dell’Amministrazione comunale summenzionata.

Per l’esecuzione dei predetti accertamenti, il Prefetto di Crotone, ha nominato la commissione d’accesso che si è insediata in data odierna e che espleterà l’incarico entro il termine di tre mesi, rinnovabili una sola volta per un periodo massimo di ulteriori tre mesi.

La predetta Commissione è composta da un Viceprefetto del Ministero dell’Interno, Giuseppe Ranieri, da un ufficiale dei Carabinieri appartenente al Comando provinciale di Crotone, Danilo Cimicata e dal rappresentante del Comando provinciale Guardia di Finanza di Crotone, Salvatore Mascaro.

Contestualmente nella giornata odierna, presso il Comune di Cirò Marina si è insediato, quale Commissario prefettizio, il Prefetto Giuseppe Gualtieri, nominato dal prefetto di Crotone ai sensi del richiamato art. 141, comma 1, lett. b) punto 3, del T.U.E.L. (Dg.vo 267/2000) per effetto delle dimissioni contestuali cosiddette ultra dimidium dei consiglieri comunali. Il Commissario garantirà la prosecuzione dell’attività istituzionale, nelle more del decreto di scioglimento del Presidente della Repubblica e sino ad un massimo di 90 giorni”.

Tag:, , , ,

Aurum