Crotone,
Tempo di lettura: 1m 42s

Omicidio Tersigni, condannati tutti gli imputati: inflitti 95 anni di carcere

Nel riquadro Giovanni Tersigni

Nel giorno del secondo anniversario dell’uccisione, arriva la sentenza per l’omicidio di Giovanni Tersigni, avvenuto esattamente il 7 settembre del 2019 in piazza Albani, nel centro storico di Crotone.

Ed è una sentenza pesante per tutti gli imputati.

Il gup distrettuale di Catanzaro (giudice per l’udienza preliminare) Matteo Ferrante, ha condannato il mandante dell’omicidio, Francesco Oliverio, oggi collaboratore di giustizia, ad una pena di 18 anni, 9 mesi e 10 giorni, mentre Cosimo Berlingeri di Catanzaro, ritenuto l’esecutore materiale, è stato condannato a 20 anni di reclusione.

Il gup ha inoltre inflitto la stessa condanna di Oliverio (18 anni, 9 mesi e 10 giorni di carcere) a Paolo Cusato, ripreso dalle telecamere a circuito chiuso mentre lancia la pistola utilizzata per l’agguato e altro materiale sul tetto di una casa.

Pena pesante anche per Giuseppe Passalacqua (14 anni, 1 mese e 10 giorni) e Cosimo Damiano Passalacqua (9 anni, 5 mesi e 10 giorni) che per l’accusa fecero da palo durante l’agguato. Dimitrov Dimitar Todorov è stato condannato a 12 anni, 6 mesi e 20 giorni (aveva prelevato Berlingieri a Catanzaro portandolo a Crotone.

Secondo le dichiarazioni del collaboratore Francesco Oliverio, doveva essere solo un avvertimento per mettere in chiaro le gerarchie tra bande che controllavano lo spaccio di droga nel centro storico di Crotone, ma dopo il ferimento e la morte di Tersigni la cosa diventò una tragedia nella quale restarono intrappolati tutti gli imputati oggi condannati a pene pesanti.

Le indagini sulla morte di Giovanni Tersigni furono svolte dalla Squadra Mobile della Questura di Crotone che nel giro di meno di un mese arrivò ad identificare tutti coloro che presero parte al raid nel centro storico, procedendo agli arresti.

Giovanni Tersigni, colpito dai proiettili di una pistola calibro 7,65, la sera del 7 settembre del 2019 arrivò al pronto soccorso di Crotone cosciente, ma subito dopo le sue condizioni si aggravarono e nella notte il giovane spirò.