Crotone,

Multe alla manifestazione per l’aeroporto organizzatori amareggiati: “Se servirà le pagheremo noi”

Riceviamo e pubblichiamo

“Il Comitato Cittadino Aeroporto Crotone è veramente amareggiato per ciò che è avvenuto ieri.

Abbiamo manifestato in maniera pacifica e civile e ci scusiamo per i disagi causati alla mobilità per circa un’ora; ma sono anni che viviamo nel totale abbandono e nel disagio più assoluto e la disperazione in tanti cittadini sta crescendo. Noi abbiamo provato a canalizzare le energie affinché nasca qualcosa di nuovo e costruttivo per la nostra provincia. Abbiamo cercato con tanto sacrificio e riuscendoci, a coinvolgere sindaci ed onorevoli, affinché si inizi a lavorare tutti insieme per il bene della nostra terra, senza protagonismi e senza bandiere partitiche; presenti tra noi ieri c’erano la senatrice Bianca Laura Granato, il senatore Marco Siclari e la consigliera regionale Flora Sculco.

Bisogna fare una campagna elettorale tutti uniti per una Crotone che Deve volare.

A tal fine abbiamo redatto e posto all’attenzione dei sindaci e delle istituzioni presenti un documento col quale si chiede per l’ennesima volta la costituzione di un tavolo istituzionale sull’emergenza mobilità.

Un tavolo al quale discutere insieme del problema aeroporto, ss 106 e rete ferroviaria, per ricollegare urgentemente Crotone al mondo!

Purtroppo, a quanto pare, il Comune di Isola Capo Rizzuto ha dato disposizione alla Polizia Municipale in servizio non di coadiuvare la buona riuscita della manifestazione ma di comportarsi rigidamente in osservanza del codice della strada ignorando totalmente il codice del buonsenso che in situazioni delicate dovrebbe essere adottato!

Così, nonostante il problema del parcheggio auto fosse già noto alle autorità competenti in quanto precedentemente affrontato per l’assemblea cittadina, ieri si è rivelato una vera e propria ghigliottina per i manifestanti; molti, non potendo parcheggiare sulla ss 106 ma volendo comunque manifestare liberamente e civilmente, hanno lasciato le automobili in maniera disordinata intorno all’unico parcheggio in aeroporto (a pagamento). 

Così, durante la manifestazione già molto sentita a causa dell’isolamento della nostra terra, la notizia di questo comportamento ha scaldato ancor di più gli animi e il fragore del risentimento si è poi riversato sui social e sulla stampa che ha ripreso l’accaduto!

Ci chiediamo a questo punto se il buonsenso sia decollato con l’ultimo volo per Pisa!

Ci chiediamo se i vigili in servizio presso l’aerostazione avessero il compito di coordinare ciò che sotto i loro occhi stava avvenendo o invece – ahimè! – quello di multare i manifestanti.

Non capiamo come mai tante autovetture siano state multate con tale inusitata efficienza e tanta rapidità; non si potevano tempestivamente richiamare i cittadini, visto che eravamo lì vicino?

Noi del Comitato Cittadino Aeroporto Crotone siamo sconfortati per quanto accaduto!

La situazione poteva essere gestita con buonsenso garantendo la sicurezza di tutti: si poteva aprire il parcheggio aeroportuale gestito da Sacal per qualche ora, rinunciando all’incasso di poche decine di euro.

Il diritto a manifestare liberamente è sancito dalla Costituzione Italiana e non riteniamo giusto che sia vincolato in alcun modo: in questo caso che si debba pagare per esercitare tale diritto!

Abbiamo quindi invitato il Comune di Isola Capo Rizzuto a stralciare le multe elevate; in caso di risposta negativa al nostro invito, abbiamo chiesto di farci pervenire l’elenco completo delle sanzioni elevate dalle 15.00 alle 17.30 e il relativo ammontare, in quanto ci assumeremo ogni responsabilità anche indiretta della nostra manifestazione, stando vicino ai cittadini. E prendendo atto ancora una volta che le istituzioni sono sempre pronte a redarguire piuttosto che a sostenere!

La Prefettura di Crotone è stata, altresì, messa a conoscenza dell’accaduto, con la richiesta di un intervento in rispetto non del codice della strada ma della Costituzione Italiana.

Il Comitato Cittadino Aeroporto Crotone ritiene che la libertà di espressione e di libera manifestazione non possa essere in alcun modo soggetta a sanzioni, imposte o tributi”.

Comitato Cittadino Aeroporto Crotone

Tag:,

La dolce vita