Crotone
Tempo di lettura: 2m 32s

“Liberi per Crotone” su rifiuti: “Discariche e inceneritori? Mo’ basta”

Spazzatura davanti al Palakro (Archivio)

foto: CrotoneNews

La gestione del ciclo dei rifiuti nella città di Crotone è un disastro. E’ un disastro da anni, da vent’anni ad oggi. Le responsabilità sono di tutte le amministrazioni comunali. Tutte, nessuna esclusa, compresa l’attuale.

Questi sono, purtroppo, fatti incontrovertibili.

Andiamo però ad esaminare le proposte che l’attuale amministrazione e alcune forze politiche affini stanno avanzando in questi giorni: un’altra discarica da realizzare nel territorio del comune di Crotone e, in aggiunta, un termovalorizzatore a servizio di tutta la Calabria.

Dunque, l’amministrazione “ambientalista” guidata dal sindaco Voce e alcune forze politiche propongono altre discariche e un nuovo inceneritore. Com’è possibile tutto ciò?

Oramai siamo abituati a tutto e al suo contrario e siamo abituati soprattutto a chi si dichiara di sinistra e fa politiche di destra, a chi si dichiara non razzista e fa e dice cose razziste, a chi si dichiara ambientalista e dice e fa cose che distruggono l’ambiente e nuocciono alla salute, ma quando è troppo è troppo.

Ripetiamo ciò che andiamo dicendo da anni, il ciclo dei rifiuti è solo un grande affare per i privati che lo gestiscono e un grande tormento per i cittadini crotonesi che devono pagare tasse altissime avendo i rifiuti per strada per la maggior parte dell’anno.

Sgombriamo subito il campo, nessuna nuova discarica deve essere autorizzata e nessun impianto di incenerimento deve essere realizzato o modificato per essere adeguato al trattamento dei rifiuti nella città e nella provincia di Crotone.

Si continua a parlare incessantemente di nuove discariche, di inceneritori e non si fa alcun cenno né adesso né in prospettiva agli impianti necessari a sostenere una raccolta differenziata spinta e porta a porta. Senza i necessari impianti di compostaggio e di selezione, infatti, i rifiuti una volta differenziati e raccolti tornano in discarica come accade già oggi e per di più con un aggravio di denaro enorme per i cittadini.

Il sindaco ha detto di volere rivoluzionare il ciclo dei rifiuti a Crotone ma non lo sta facendo, come non lo sta facendo l’Ato di Crotone, così come non ci risulta nessuna programmazione per l’impiantistica a servizio di una raccolta differenziata tendente ai rifiuti zero.

Ribadiamo, infine, ciò che abbiamo sempre affermato e cioè che è arrivato il momento di rompere il legame che vincola le scelte del pubblico agli interessi dei privati e che bisogna finirla di prospettare ad ogni emergenza l’apertura di discariche e inceneritori perché questo aiuta sicuramente i privati che fanno profitto, ma certamente non aiuta i cittadini che continuano a vedere la spazzatura per strada, a pagare cifre esorbitanti a fronte di un servizio inesistente e a pagare in termini di inquinamento e di salute.

Liberi per Crotone