Crotone,
Tempo di lettura: 1m 10s

Lettera a CrotoneNews: “Aiutatemi a ritrovare l’orologio di mio padre morto in ospedale”

Riceviamo e pubblichiamo

“Faccio appello a tutte quelle persone buone di cuore che lavorano in ospedale a Crotone ad aiutarmi a ritrovare l’orologio di mio padre: operatori socio sanitari, medici, infermieri, tutti.

La sera del 28 dicembre mio padre è deceduto io ero lì con lui. Aveva il suo amato orologio non al polso, ma poggiato sul letto sopra la coperta perché aveva le flebo.

Non l’ho messo nel cassetto perché sapevo che gli serviva; questo succedeva alle 20.25. Esco fuori la stanza per chiamare l’infermiera e l’orologio era ancora lì.

Papà stava male e non mi fanno più rientrare in stanza. Chiamano dicendo che non c’era più. Salgo per salutarlo e prendere gli effetti personali: c’era tutto tranne l’orologio.

Ho chiamato fino a Battipaglia dove viene lavata la biancheria dell’ospedale, la signora gentilissima chiede di aprire i sacchi uno per uno e vedere le coperte una per una, ma niente: dentro la biancheria non c’è.

Quindi chiedo e dico, a chi lo abbia preso per favore di farmelo riavere, anche in anonimato. Le cose dei defunti non si toccano, lo so faceva gola a vederlo, ma non ha valore. Non ci sono soldi o altro che possa comprare il valore affettivo che c’è in quell’oggetto. Abbiate un po’ di cuore”.
Giusy Palaia