Crotone
Tempo di lettura: 1m 28s

Le famiglie delle vittime della tragedia di Steccato rappresentate gratuitamente da quattro avvocati

In una nota pubblicata sul proprio profilo facebook l’avvocato Luigi Li Gotti, già sottosegretario alla Giustizia, comunica di essere stato incaricato, insieme ad altri tre legali, “da diversi familiari delle vittime del naufragio avvenuto nelle acque di steccato di Cutro di rappresentarli nei due procedimenti penali iscritti dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone.

Il primo procedimento ha già condotto all’arresto di alcuni presunti scafisti che rispondono dei reati di disastro colposo e omicidio colposo plurimo quale conseguenza della violazione dolosa delle leggi sull’immigrazione.

Il secondo procedimento mira a raccogliere gli elementi per valutare se ci sono responsabilità per il mancato soccorso in mare.

In entrambi i procedimenti forniremo il nostro attivo contributo – anche per mezzo di ricerche e investigazioni difensive – per accertare i fatti e perseguirli se risulteranno provati. Siamo a nostra volta molto disponibili, come certamente lo è la Procura della Repubblica, a ricevere segnalazioni e indicazioni da parte di chiunque ne sia in possesso.

Abbiamo fiducia, a ragion veduta, nelle attività della Procura della Repubblica di Crotone che potrà contare in ogni momento sul nostro ausilio secondo ciò che prevedono regole e procedure.

Lavoreremo insieme alacremente e in modo del tutto gratuito: è il nostro modo di sostenere anche moralmente le centinaia di persone che hanno perso i loro familiari. Collaboreremo, inoltre, con i difensori delle altre persone offese, degli enti e degli organismi esponenziali che decideranno di assumere un ruolo attivo nei procedimenti”. Gli avvocati che lavoreranno nel pool insieme a Li Gotti saranno anche Mitja Gialuz, Vincenzo Cardone e Francesco Verri.