Crotone,

Francesco Modesto assolto per non aver commesso il fatto, lo accusavano di usura aggravata dal metodo mafioso:

L’ex calciatore Francesco Modesto è stato assolto dall’accusa di usura aggravata dal metodo mafioso dal Gup di Catanzaro Francesca Pizii.

La sentenza è arrivata questa mattina dal Tribunale di Catanzaro dove si è svolto il processo con rito abbreviato. Francesco Modesto è stato assolto per non aver commesso il fatto. L’accusa aveva chiesto una condanna a 8 anni, ma il Tribunale di Catanzaro ha accolto in pieno la tesi difensiva dei legali di modesto, avvocati Leo Sulla del Foro di Crotone e Pasquale Marzocchi del Foro di Cosenza.

Francesco Modesto fu arrestato il 30 agosto del 2016 nell’ambito di una operazione della DDA di Catanzaro che portò in carcere 14 persone tra le quali l’ex calciatore di Cosenza, Palermo, Ascoli, Reggina, Genoa, Bologna, Parma, Pescara, Padova e Crotone, oggi allenatore del Rende.

Francesco Modesto fu poi scarcerato dopo 16 giorni di detenzione nel carcere di Cosenza su decisione del Tribunale della Libertà di Catanzaro (leggi l’articolo) che, accogliendo anche in quel caso la tesi dei difensori, annullò l’ordinanza di carcerazione preventiva emessa su ordine della DDA di Catanzaro (procuratore aggiunto Vincenzo Luberto, gip Ferraro) e mise nero su bianco che l’ex calciatore crotonese non andava arrestato.

Lui si era sempre difeso proclamandosi innocente e in tanti gli fecero sentire la vicinanza anche con una manifestazione sotto il carcere di Cosenza nel periodo di detenzione.

Ora a stabilire la sua innocenza è arrivata anche la sentenza del Tribunale di Catanzaro che per il momento mette la parola fine all’incubo di Francesco Modesto. 

“A me mi hanno ammazzato” è stato il primo commento a caldo di Francesco Modesto sentito da CrotoneNews. “Non speravo più nella Giustizia, ma oggi ho riconquistato quella fiducia. Io andrò avanti perché voglio che i fatti che tutti sanno siano di dominio pubblico. Per ora voglio stare sereno e tranquillo con la mia famiglia, ma questa storia non la dimenticherò mai”.

 

 

Tag:, , ,

Aurum